Con le 86,5 milioni di ore di cassa integrazione guadagni autorizzate a dicembre 2012, l’anno appena terminato fa registrare un consistente aumento, toccando complessivamente quota 1.090,6 milioni di ore, contro i 973,2 milioni del 2011 (+12,1%). Lo comunica l’Inps che segnala per il mese passato una crescita di ore autorizzate del 15,3% rispetto allo stesso mese del 2011. Rispetto al mese di novembre, quando furono autorizzate 108,3 milioni di ore, si registra a dicembre una diminuzione del 20,1% delle richieste di autorizzazione.

Dal 2009, quando per effetto della crisi economica le autorizzazioni balzarono dai 227,6 milioni dell’anno precedente a 913,6 milioni, con un aumento del 301%, la cassa integrazione – evidenzia l’Inps – ha fatto registrare ancora un aumento nel 2010, quando ha raggiunto il picco con 1.197,8 milioni di ore autorizzate (+31% rispetto al 2009), una diminuzione nel 2011, quando le ore autorizzate furono 973,2 milioni (-19% rispetto al 2010) e di nuovo un aumento lo scorso anno, quando si è superato un’altra volta il miliardo di ore autorizzate. Passando al dettaglio per tipologia di prestazione, per gli interventi ordinari (Cigo) le ore di Cassa integrazione ordinaria autorizzate a dicembre 2012 sono diminuite del -20,9% rispetto al mese precedente, passando da 33,0 a 26,1 milioni. Considerando invece il mese di dicembre 2011, l’Inps evidenzia un incremento delle ore Cigo: i 22,4 milioni di dicembre 2011 contro i 26,1 di dicembre 2012 rappresentano un aumento del +16,2 per cento.

L’incremento – segnala l’Inps – è determinato tanto dalle autorizzazioni riguardanti il settore industriale, aumentate del 15,6% rispetto al mese di dicembre dell’anno precedente, quanto di quelle del settore edile, che ha registrato un aumento delle ore di Cigo pari al 19,4 per cento. Per quanto riguarda gli interventi straordinari (Cigs), il numero di ore autorizzate a dicembre 2012 è stato di 33,6 milioni, con una diminuzione del -27,2% rispetto al precedente mese di novembre 2012 (46,1 milioni) e un aumento del +2,5% rispetto al mese di dicembre 2011 (32,7 milioni).

Gli interventi in deroga (Cigd), pari a 26,8 milioni di ore autorizzate a dicembre 2012, registrano una diminuzione del -7,9% rispetto ai 29,1 milioni dello scorso mese di novembre e un aumento del +35,5% se raffrontati ai 19,8 milioni del mese di dicembre 2011. “I dati definitivi del 2012 confermano la generale tendenza all’aumento di richieste di cassa integrazione – commenta il presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua – che si presenta più vicina ai livelli del 2010, quando furono autorizzate quasi 1,2 miliardi di ore, piuttosto che a quelli del 2011, quando non venne raggiunto il miliardo”. 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, lavoratori di Autogrill in sciopero: serrata di San Silvestro

next
Articolo Successivo

Lavoro, tasso disoccupazione giovanile a novembre 37,1%. Record dal ’92

next