Anche in Europa e nel resto del mondo arrivano i c.d. “Firma days” (la raccolta firme indispensabile al Movimento Cinque Stelle per poter partecipare alle prossime elezioni). E nonostante i principali mezzi di informazione oscurino la notizia il tam-tam in rete è incessante e le foto che circolano testimoniano della grande partecipazione dei cittadini nelle varie città italiane.

Quello che molti ignorano è che il Movimento Cinque Stelle si presenterà anche all’estero. Per partecipare alle elezioni l’impresa è ardua ma non impossibile: il Movimento 5 Stelle Europa ad esempio dovrà raccogliere 1.000 firme in meno di due settimane, che ricadono tra l’altro in pieno periodo di feste di fine anno, il che non aiuta le cose.

Non è necessario essere simpatizzanti del Movimento ma della democrazia e la firma non impegna a nulla. Unico requisito: essere residenti all’estero iscritti all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero). Nel caso non lo foste (e per chiunque voi votiate) se avete intenzione di farlo dall’estero (dove le schede elettorali vengono recapitate per posta e si vota per corrispondenza) avete tempo fino al 31 dicembre.

Da oggi (martedì) sono già attivi i Consolati di Bruxelles, Lugano, Parigi, Zurigo e prestissimo seguiranno Amsterdam, Ginevra, Barcellona, Lione, Berlino, Marsiglia, Londra, Madrid, Stoccolma, Copenhagen e tante altre si stanno aggiungendo.

Qui la lista aggiornata in tempo reale delle città nel mondo dove è possibile firmare.

@adambra

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Monti: “Non starò fermo”. Una federazione centrista per il professore

prev
Articolo Successivo

Il Colle: “No a prolungata incertezza”. Riccardi: “Monti parlerà entro domenica”

next