Sono 38 gli stabilimenti del gruppo Riva in tutto il mondo e occupano circa 20mila persone. I più grandi, fatta eccezione di Taranto si trovano nel nord Italia. Genova, 1750 addetti, ha dismesso negli anni passati la lavorazione a caldo e adesso dipende totalmente dalle produzioni di Taranto. Da fine luglio con la produzione bloccata e il materiale grezzo posto sotto sequestro sulle banchine di Taranto, sono stati tagliati gli approvvigionamenti di acciaio allo stabilimento di Genova. Gli operai hanno sottoscritto contratti di solidarietà, ma queste misure non saranno sufficienti per garantire il lavoro dopo la pausa natalizia. Nella stessa situazione si trovano gli impianti di Novi Ligure, 800 dipendenti, e Racconigi, circa 200 lavoratori. Secondo le stime dei sindacati con lo stop di Taranto sono stati messi a rischio 50mila posti di lavoro in tutta Italia di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, sui giornali di settore più annunci dall’estero che dall’Italia

next
Articolo Successivo

Fiat, Monti a Melfi con Marchionne. Cgil e Fiom: “E’ inizio di campagna elettorale”

next