I parlamentari berlusconiani Romani e Gasparri, quello che prestò la firma alla legge berlusconissima sulle tv, hanno sparato a zero contro Benigni e la serata dedicata alla Costituzione. Per farlo hanno usato l’espressione “uso improprio del servizio pubblico“.

La stessa espressione con l’aggiunta dell’aggettivo “criminoso” era stata scagliata, dalla trasferta di Sofia, da un Berlusconi furente che aveva chiesto, e poi ottenuto, le teste di Enzo Biagi, Michele Santoro, Daniele Luttazzi. Tra gli altri capi di imputazione a carico dei rei vi era, anche in quella occasione, una esibizione di Roberto Benigni nello studio di Enzo Biagi. Naturalmente allora la frase del presidente in carica fu accolta con un misto di rabbia, indignazione e paura.

Questa volta si potrebbe liquidare il tutto come una manifestazione di estremismo senile, più patetico che terribile, ma guai ad abbassare la guardia perché il Berlusconi furente ed il suo servizio d’ordine  non vanno mai sottovalutati. Per queste ragioni continueremo a chiedere alla Autorità di garanzia del settore e al gruppo dirigente della Rai, ancora saldamente legato al passato, di vigilare e di disarmare l’ultima raffica bulgara.

Siamo invece solidali, si fa per dire, con il presidente editore colpito al cuore, anzi al doppia cuore, dalla esibizione di Benigni. Il primo colpo  l’hanno subito come proprietario di Mediaset, dato che il programma contestato ha centrato ascolti record sfondando il muro dei primati. Il secondo, non meno grave, è che il trionfo è arrivato sotto forma di una serata dedicata alla “più bella del mondo” e cioè  quella Costituzione che il cavaliere avrebbe volentieri fatto a pezzi e piegata ai suoi voleri, anzi al suo conflitto di interessi.

Almeno in questa occasione diamogli il beneficio delle attenuanti, dal momento che, purtroppo per Lui, almeno in questo caso la prescrizione non potrà più scattare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Un Benigni da manicomio

prev
Articolo Successivo

Benigni, stop alle polemiche

next