“Lo spread? Smettiamola di parlare di questo imbroglio. La Germania detta condizioni a tutti”: il giorno dopo queste parole pronunciate da Silvio Berlusconi, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha elogiato Mario Monti e il suo governo ha fatto sapere che non accetterà attacchi e populismi contro Berlino durante la campagna elettorale italiana.

E così, mentre risale la tensione italo-tedesca e il puzzle politico di casa nostra si complica, il Paese si ritrova a pagare un conto che si fa sempre più salato: le imprese sono in difficoltà, la disoccupazione è in aumento, più di un terzo dei giovani italiani sono senza lavoro, la rata dell’Imu di dicembre si sta mangiando le tredicesime, i consumi ristagnano mentre una parte delle famiglie italiane e del ceto medio intacca – per far fronte all’emergenza – i propri risparmi, con la crescita che resta un miraggio. E la politica – a pochi mesi dalle elezioni – si agita, ma sembra non voler mollare i propri privilegi. Come se ne esce? Con le ricette di Monti o esiste anche un’altra via d’uscita?

Temi che saranno al centro de “L’imbroglio”, l’ottava puntata di Servizio Pubblico in onda su La7 alle 21.10 e in diretta streaming su ilfattoquotidiano.it. Nello studio di Michele Santoro ci saranno l’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti, il leader dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro, il presidente della Banca nazionale del Lavoro Luigi Abete e il vicedirettore di Repubblica Massimo Giannini. Nel corso della puntata gli spettatori potranno intervenire nel dibattito attraverso Liquid FeedbackServizio Pubblico sarà trasmesso anche su serviziopubblico.it, sulla piattaforma web de La7, Youtube e in diretta su Radio Radicale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Orfeo: Il Tg1 darà anche le notizie scomode. E Ruby?

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “L’imbroglio” fa il 13,24 di share. Riguarda i video della ottava puntata

next