Considerate le per nulla banali e scontate origini geografiche – o sarebbe forse meglio dire geopolitiche – sono praticamente certo che i tre futuri Therapy? sono venuti su da ragazzi cantando a squarciagola l’inno Alternative Ulster degli eroi punk nordirlandesi Stiff Little Fingers, il cui Inflammable Material resta a distanza di oltre tre decadi uno dei dischi maiuscoli ed irrinunciabili del punk rock britannico. Del resto non hanno mai lesinato in fatto di tributi a chi è venuto prima di loro ed ha indicato la sghemba via: tra le cover che appaiono nei loro album non lasciano indifferenti quelle di Diane degli Husker Du, capolavoro originariamente contenuto nell’EP del 1983 Metal Circus, e di Isolation dei Joy Division, altro classicissimo. Non ci stupisce dunque constatare che l’autore della foto in bianco e nero di copertina di Infernal Love del 1995, disco peraltro lievemente sottotono rispetto ai precedenti, è quell’Anton Corbijn che avrebbe firmato una dozzina d’anni più tardi Control, un film visivamente straordinario sulla figura di Ian Curtis e sulla Manchester della Factory.

Si sente che i Therapy? hanno continuato a suonare in tutti questi anni – per quanto l’attenzione loro dedicata dai media si sia eclissata dopo il periodo d’oro degli esordi tra la fine degli Ottanta e la metà dei Novanta – perché il loro nuovissimo A Brief Crack of Light costituisce ancora un ascolto assolutamente piacevole ed onesto, musicalmente non sputtanato quanto quello di altri gruppi che sono tornati dalle tombe a picchiare contro i portoni delle nostre case pretendendo il loro tributo di sangue. I loro primi lavori li inseriscono a buon diritto in quella scuola noise emersa negli Ottanta oltreoceano da progenitori eccellenti quali Big Black, Swans, Jesus Lizard e la successiva scena post-hardcore ed alternative metal di Helmet, Unsane, Biohazard e Cop Shoot Cop, dalla SST alla Amphetamine Reptile alla Touch and Go, per intenderci. Nel nuovo disco ancora riecheggia quell’epoca: per quanto lievemente edulcorati vi assicuro che a chi ha mosso i primi passi in quel contesto questi pezzi procurano ancora qualche fremito e qualche brivido come una madeleine un po’ rafferma anche se sarebbe meglio dire una Luisona per chi come me predilige da sempre i bar sport rispetto alle pasticcerie fighette.

Come dicevamo gli esordi del gruppo di Andy Cairns sono piuttosto aspri. Basti ascoltare i lavori dei primissimi Novanta come Babyteeth (Wiija), Pleasure Death (Southern), dischi che mettono in luce una certa affinità con gruppi che prima di loro avevano digrignato i denti: la copertina del singolo Teethgrinder è quasi un tributo a quella di Filth, il disco di debutto degli Swans di Micheal Gira. Siamo nel periodo in cui il noise ed il grunge fanno il botto e le major cercano di accaparrarsi le stelle dell’underground dai Dinosaur Jr. ai Sonic Youth ai Nirvana. Anche i Therapy? Non sfuggono e vengono messi sotto contratto dalla A&M e sotto queste insegne luccicanti sfornano le loro opere migliori: prima Nurse nel 1992 e poi nel 1994 Troublegum, il loro disco definitivo e più completo, quello in cui raggiungono la perfetta sintesi ed equilibrio tra aspirazioni pop melodiche, brillante vena compositiva e desiderio di dar corpo in forme rispettabilmente punk rock e quasi emo-core alla loro rabbia. Forse riascoltato oggi fa anche un po’ sorridere in certi passaggi ma Troublegum era un disco diretto e senza spocchia che parlava da sé, dritto al cuore, dalla prima all’ultima traccia. Se in quel periodo ascoltavi gruppi come Nine Inch Nails e Cop Shoot Cop potevi trovare in queste canzoni azzeccatissime quella deriva più pop e canticchiabile che non veniva sempre esplorata da band indubbiamente superiori a loro ma un po’ più intellettuali. Stop It You’re Killing Me rende evidentemente omaggio agli Husker Du, tanto per intenderci, che in fatto di vena melodica in ambito post-hardcore ne sapevano a pacchi ed avevano fatto letteralmente scuola insieme a Mission of Burma e compagnia. Screamager, tanto per restare in tema, va a sbattere felicemente sui Bad Religion mentre Nowhere è l’apoteosi di questo gusto “jukebox” citazionista molto genuino e pirotecnico, quasi un perfetto bignami di come si scrive un pezzo di punk melodico a metà Novanta. Trovo ancora queste canzoni irresistibili nonostante tutto e nonostante gli anni passino per tutti e la mia testa va su e giù mentre scrivo queste parole.

Therapy? in concerto sabato 10 novembre al Rock Planet di Pinarella di Cervia. Apriranno i Black Sound Empire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Cyrano di Alessandro Preziosi al Duse di Bologna

prev
Articolo Successivo

Celestini, Ravello e un viaggio in Africa. Al via la stagione 2012 del teatro Itc

next