Quando ho ascoltato il disco per la prima volta mi sono posta una domanda che forse si sono posti in tanti (o meglio, tante!). Perché il rock melodico è quasi esclusivo appannaggio del genere maschile?

In apparenza non c’è nessun’altra motivazione se non quella che il rock è una cosa da uomini. Quindi non c’è nessuna motivazione.

Ebbene, io vi chiedo: ascoltatevi il disco di Sara Demagistri, “Sarah Stride“, un’artista certamente  non improvvisata e con anni di gavetta alle spalle, e venitemi a dire che cosa ne pensate. Ma più che ascoltarvi il disco, ciò che vale la pena è sentirla dal vivo, come ho fatto io a Milano, alla Salumeria della Musica di via Pasinetti Sarah trasmette vibrazioni, talento e buona musica in un involucro sensuale che è un mix del nostro cantautorato al femminile (Consoli, Nannini, Donà) ma con sue caratteristiche peculiari. Un’artista che sa interagire col suo pubblico, che sa coinvolgerlo. Anche i suoi collaboratori non sono da meno e sono tutti protagonisti navigati della scena musicale indipendente italiana: Alberto N. A. Turra (chitarre), che ha curato anche produzione artistica e arrangiamenti del disco, William Nicastro (basso) e Antonio Vastola (batteria). I testi sono invece di Sara e il singolo Metallo è scritto a quattro mani con Melissa P

«I testi del disco – racconta Sara – così personali, narrativi e pieni di immagini poetiche, sono il racconto di un percorso, di una crescita fatta d’incontri e disillusioni, di perdite e di meraviglia, di dolcezza e determinazione ma soprattutto di confronto e d’incessante dialogo con la realtà e noi stessi». 

In questi tempi di X Factor e progetti televisivo-commerciale diventa sempre più difficile sgomitare a far sentire la propria (bella) voce. Ma se qualcuno ce la fa anche senza particolari spintarelle, è allora proprio il caso di dire che si tratta di talento, da promuovere fra i vostri amici e andando ai suoi concerti (qui il suo blog).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siamo persone, non beni di proprietà

next
Articolo Successivo

Mina e le altre nella Puglia che non ascolta le donne

next