Drogarsi con l’eroina genera un forte impulso a livello del sistema immunitario. Ed è questa la chiave attraverso cui gli scienziati delle università del Colorado (Usa) e di Adelaide (Australia) assicurano, come riporta il ‘Journal of Neuroscience’, di aver trovato un modo per aiutare i 21 milioni di persone che abusano di questa sostanza a livello globale. Lo scopo primario dei recettori del nostro sistema immunitario è quello di innescare meccanismi di protezione contro le malattie. Ebbene, gli esperti ne hanno identificato uno molto particolare presente nel cervello, che stimola la sensazione di ricompensa a seguito dell’uso dell’eroina e della morfina e che, dunque, genera la dipendenza dagli oppioidi.

Un elemento che, una volta bloccato, potrebbe in futuro aiutare a prevenire la tossicodipendenza, mentre al tempo stesso si potranno anche amplificare i benefici di farmaci a base di oppiodi usati come analgesici. “Si tratta di un fondamentalmente cambio di paradigma – commenta Linda Watkins, professore di psicologia e neuroscienze all’ateneo americano e coautore dello studio -. Infatti non si può trovare un modo per risolvere il problema della dipendenza, senza conoscere un giocatore chiave che finora mancava in tutti i modelli di studio”. Gli studi di Watkins e dei colleghi su ratti e topi hanno consentito di capire che una proteina chiamata toll-like receptor 4 (Tlr4) è la componente chiave nel sistema immunitario per l’avvio del sistema di ricompensa legato alla droga. I ricercatori assicurano anche di essere riusciti a bloccare il recettore grazie a un farmaco chiamato plus-naloxone, che viene somministrato a pazienti in overdose da oppiacei.

Fonte – Adnkronos Salute

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alzhemeir, l’aroma artificiale del burro potrebbe aggravare malattia

prev
Articolo Successivo

Alzheimer, una ricerca sul cervello dei supernonni per combattere il morbo

next