Tempi difficili per l’industria italiana, dove scendono i fatturati a seguito del tracollo degli ordinativi. Secondo i dati forniti dall’Istat, gli affari languono ma alcuni comparti reggono. Tra questi la costruzione di mezzi di trasporto, produzione di farmaci e fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati. Se sul mese di aprile rispetto a marzo il calo è contenuto allo 0,5 per cento (i cui -0,5% dal mercato nazionale e -0,1 dall’estero), su base annua è del 4,1 per cento (-7% Italia, -2,6% mondo). 

Secondo l’istituto a incidere sul dato mensile è soprattutto la diminuzione di commesse dall‘estero, mentre per quello annuo ad affossare l’indice è il calo di consumi e acquisti che sta investendo l’Italia. Sul versante degli ordinativi i ribassi sono ancora più pronunciati, e le aziende li hanno visto scendere dell’1,9 per cento. Ma sull’anno è un vero e proprio tracollo: -12,9 per cento. Anche su quest’ultimo dato pesa il cattivo andamento del mercato nazionale. A marzo però gli ordinativi per l’industria erano aumentati del 3,5 per cento.

L’indice grezzo degli ordinativi segna variazioni negative in tutti i settori. Le più rilevanti riguardano la fabbricazione di mezzi di trasporto (-16,5%), la fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (macchinari e apparecchiature, comprese le rispettive parti meccaniche, che intervengono meccanicamente o termicamente sui materiali o sui processi di lavorazione)  che scende del 15 per cento e la fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-13,3%).

Gli indici destagionalizzati del fatturato, invece, segnano diminuzioni congiunturali per i settori energetici (-9,0%), intermedi (-1,9%) e di consumo (-1,7%). L’unico aumento si registra per i beni strumentali (+7,5%). L’indice grezzo del fatturato diminuisce, in termini tendenziali, del 7 per cento: il contributo più ampio a tale diminuzione viene dalla componente interna dei beni intermedi. L’incremento tendenziale maggiore del fatturato, aggiunge l’Istat, si registra per il settore della fabbricazione di mezzi di trasporto (+22,7%, dovuto essenzialmente al forte aumento registrato nell’industria cantieristica). Bene anche per la produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+3,2%) e della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+0,5%). Mentre la diminuzione più marcata riguarda l’estrazione di minerali da cave e miniere (-12,3%). Scendono gli incassi nella metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-11,5%) e nella fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (-10,2%).

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Meno Tav, più cultura

next
Articolo Successivo

Spread in calo, scende fino a 414 punti. Borse in positivo, anche Milano in rialzo

next