A piedi scalzi” è una mostra d’arte contemporanea lampo (una settimana) che inaugura il 1° giugno al centro sociale Brancaleone di Roma con un concept davvero originale: consegnate a circa cinquanta artisti di livello internazionale delle scatole di scarpe identiche fra di loro, ognuno ne ha tratto un’opera d’arte. L’obiettivo è quello di mostrare come l’uguaglianza delle condizioni di partenza non mortifica ma esalta i valori individuali.

Ed ecco che nomi come Nanni Balestrini, Marco Colazzo, Ileana Florescu, Paola Gandolfi, H. H. Lim, Pierluigi Isola, Mojimir Jezek, Franco Mulas, Pizzi Cannella, Prsendic Nikola, Pupillo, Cloti Ricciardi, Fiorella Rizzo, Pino Salvatori, Barbara Salvucci, Heidrun Sandbichler, Maurizio Savini, Silvia Stucky e tanti altri, hanno firmato opere uniche straordinarie, accettando di dialogare con pubblico e colleghi su omologazione e differenza.

Durante la vernice, anche un evento collaterale a tema, con l’anteprima del libro di Roberto Gramiccia “Slot Art Machine. Il grande business dell’arte contemporanea” (interverranno Paolo Aita, Paolo Ferrero, Alberto Olivetta e Simona Marchini, che leggerà alcuni brani). Il tutto avviene nell’ambito della programmazione di “Indy. Fiera dei gusti non omologati” (1, 2 e 3 giugno), una manifestazione, promossa dalla rivista AlfaBeta2, da DeriveApprodi e da Radio Popolare, che prevede iniziative volte a valorizzare la cultura indipendente nelle sue espressioni editoriali, artistiche, musicali, cinematografiche ed enogastronomiche, proponendo prodotti e pratiche capaci di dimostrare l’attualità di un approccio alternativo rispetto al dominio della grande distribuzione monopolistica.

“Il tema di questa mostra – spiegano i curatori, Valentina e Roberto Gramiccia – è la libertà. Dai vincoli di mercato e di linguaggio, soprattutto. E siccome per noi la libertà poggia sull’uguaglianza, abbiamo voluto mettere simbolicamente tutti sullo stesso piano, azzerando le differenze: giovani e meno giovani, artisti storicizzati e non, pittori e scultori, installatori e inventori visivi non classificabili. Riteniamo infatti che l’uguaglianza sia una cosa per la quale valga la pena di battersi perché se manca, semplicemente, la libertà non ci può essere. Con questa mostra vorremmo indicare una possibile strada-contro e dimostrare come la cultura indipendente è capace di vivere nonostante e al di fuori della distribuzione di massa, che non ha niente a che vedere con la qualità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festival di Letteratura di Milano, musica e poesia dai senza tetto

prev
Articolo Successivo

Quando Einaudi bocciò Primo Levi

next