Dopo il “tutto esaurito” della scorsa edizione, sabato 7 e domenica 8 aprile torna a Roma il Rockabilly Festival e a ospitare la kermesse è l’eccentrico locale Micca Club, questa volta anche con una postazione all’aperto dove, tra brillantina, motociclette e giacche di pelle, sfileranno, in tutte le declinazione possibili, i mitici anni Cinquanta. Oltre ai live tematici di gruppi e dj internazionali tra i più impegnati sul genere, anche un market con abiti vintage, stand con grill&bear, un’esposizione di moto Chopper e auto Kustom, dischi e magliette e un corner per acconciature in perfetto stile Rockabilly.

I dj Lalla Hop e Tiki seguiranno l’intera maratona, mentre una manciata di super Pin Up venderanno (davvero!) baci fra gonne a ruota, labbra scarlatte e balli sfrenati. Gli artisti invitati poi promettono una qualità musicale doc: si parte sabato col concerto degli italiani Silva Trio e la loro purissima forma di Rockabilly delle origini, suonato nella formazione tipo che questo genere lanciò negli stati Uniti nei primissimi anni ’50 e, a seguire, gli Izzy and the Catastrophics, mix di rock n ‘roll, swing, surf, honky-tonk e bebop. Domenica invece sarà la volta dei Jack Rabbit Slim, gruppo Garage – Rockabilly di Cambridge e poi dei Monokings, un quartetto di 50’s Wild Rock’n’Roll&Rockabilly.

L’occasione è ghiotta non solo per i fan di un’epoca oggi tornata di gran moda, ma anche per chi, in Italia, è in cerca di appuntamenti forti. Come dimostra Aristofonte.com, il nuovo social network che connette eventi e persone (docenti universitari, consulenti finanziari, psicologi, avvocati, imprenditori, medici, farmacisti, psicologi, commercialisti, giornalisti e via dicendo) in cerca di iniziative fuori dagli schemi (oltre che radical e anche un po’ chic) e che, tra gli altri, è anello di connessione per gli appassionati anche di questo festival.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Un manifesto per il nostro patrimonio

next
Articolo Successivo

“Crack machine”, da Société Générale alla vita al tempo delle Grandi Banche

next