Sa comportarsi, e sa parlare. E’ partito dal basso, vincendo in campionati minori. Ha vinto anche nei tornei importanti: non molto (una Coppa Italia e una Supercoppa italiana, una Coppa del Re in Spagna), ma più di altri tecnici celebrati e richiesti.

Ha sfiorato uno scudetto con la Roma, tra la sorpresa generale, ed è arrivato in semifinale di Champions League con il Chelsea (che non era quello degli anni più opulenti). La Juventus tramortita da Calciopoli, piaccia o non piaccia, l’ha rimessa in piedi lui.

Insomma, Claudio Ranieri è un buon allenatore, e un uomo più che stimabile. Non meritava di essere immolato come capro espiatorio per i guai di un’Inter che è, fisiologicamente, alla fine di un ciclo. E che doveva tenere a Milano il suo regista, Thiago Motta: ad ogni costo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Qualcuno riporti tutti con i piedi per terra

next
Articolo Successivo

Scommessopoli dove arriverà?

next