La notizia non farà certo piacere a Microsoft: la Commissione Europea potrebbe riconsiderare il nulla osta all’acquisizione di Skype, avvenuta nel maggio 2011 per la cifra record di 8,5 miliardi di dollari. A promuovere l’appello contro l’autorizzazione è stato il colosso dell’IT Cisco Systems, cui si è aggiunta l’italiana Messagenet. La prospettiva di un nuovo confronto con la Commissione Ue non suscita certamente ricordi piacevoli dalle parti di Redmond, visto che proprio l’allora Presidente della Commissione Antitrust Europea Mario Monti condannò Microsoft al pagamento di una multa di 497,2 milioni di euro per abuso di posizione dominante. Erano i primi anni 2000 e nel mirino c’era, tra le altre cose, l’integrazione in Windows 2000 del lettore multimediale Windows Media Player. Questa volta il ricorso di Cisco e Messagenet focalizza l’attenzione sull’acquisizione di Skype e sul rischio di un ostacolo alla concorrenza nel settore VoIP e delle videochiamate su computer.

L’obiettivo del ricorso, come confermato a ilfattoquotidiano.it dall’amministratore delegato di Messagenet Andrea Galli, non è quello di ottenere una sanzione o negare la legittimità dell’acquisizione di Skype, ma di obbligare Microsoft a garantire l’interoperabilità tra Skype e i sistemi di videochiamata utilizzati dai concorrenti. Una richiesta che Messagenet aveva inviato a Skype già lo scorso maggio, ma che non ha ricevuto risposta. Attualmente la situazione è terribilmente frammentata: ogni servizio utilizza protocolli diversi e le barriere tra i diversi sistemi blocca la diffusione dei servizi, più o meno come se ogni operatore telefonico permettesse di effettuare telefonate solo tra i suoi clienti.

L’unico protocollo “aperto” che offra funzioni simili a quelle di Skype è SIP, ma i software che lo utilizzano hanno una diffusione ridotta e ben lontana dal garantire un effettivo standard di comunicazione uguale per tutti. Stando così le cose, la rete gestita da Microsoft attraverso Skype (più di 700 milioni di utenti registrati) rischia di trasformarsi in un monopolio di fatto. Senza contare che la stessa Microsoft sembra avere in programma l’integrazione di Skype all’intero di Lynk, la piattaforma di comunicazione dedicata al mondo business. Una prospettiva che deve aver fatto saltare sulla sedia i dirigenti di Cisco portandoli a denunciare alla Commissione Europea il rischio di una “posizione dominante” che impedirebbe lo sviluppo di una reale concorrenza nel settore.

Sotto un profilo tecnico le cose, però, non sono affatto semplici. Uno dei motivi del successo di Skype è l’efficienza del suo protocollo di comunicazione, che sfrutta un eccellente sistema peer to peer derivato da Kazaa, un celebre (e oggi defunto) circuito di scambio per musica e film su Internet. C’è da scommettere che la battaglia si combatterà proprio sul delicato piano di quanto delle tecnologie Skype Microsoft sarebbe costretta a rivelare per garantire l’interoperabilità con altri sistemi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grandi stipendi con pessimi risultati. Per i manager la crisi era già finita nel 2010

prev
Articolo Successivo

Ma la Germania cosa vuol fare da grande?

next