Ingresso del teatro Ariston di Sanremo

Ogni anno la stessa storia. Polemiche, attesa, professioni d’indifferenza: ma quant’è grande Sanremo?

Il Festival, sì proprio lui. C’è chi lo vorrebbe svilire, ridimensionare o addirittura mandare in pensione. Eppure siam sempre qui, in milioni. Dopo 61 anni di onorata – si fa per dire – attività.

Perché Sanremo è molto più che un concorso canoro o un programma televisivo, a volte riuscito e a volte no: è un fenomeno d’italianità. Con le sue brutture ed esagerazioni, con i suoi slanci di bellezza il Festival cresce e si trasforma a nostra immagine e somiglianza. E ci ricorda chi siamo: oggi, la società del televoto e dei reality, della superficialità massificata. Ma con ancora qualche lampo di coscienza: lo dimostra l’ultima vittoria di Vecchioni, a furor di popolo dopo i fasti tributati nel 2010 a Valerio Scanu.

È questione socio-antropologica, allora: prezioso documento di cronaca dell’Italia passata, presente e futura. Specchio di un popolo velatamente maschilista, con l’immancabile tradizione della valletta-oggetto. Eternamente, futilmente polemico, con i suoi polveroni a ciclica ripetizione: da Emanuele Filiberto a “Bella ciao”, sino al cachet di Celentano. Popolo di fanfaroni, certo, ma pure poeti ed artisti, senz’alcuna apologia: perché c’è il valore documentario e quello oggettivo, perché Sanremo è anche il luogo della musica. Quella con la “m” maiuscola, manifestazione d’arte. Di qui sono passati Mina e Battisti, Morandi e Vasco Rossi: giganti della canzone nostrana e non solo, Louis Armstrong e i Queen. E sempre qui sono nati Ramazzotti e la Pausini – milioni di copie vendute nel mondo, piaccia o meno –, ma anche Jovanotti ed i Subsonica. Gli elenchi sono sempre lacunosi, si rischia di far torto a molti: anche perché quel palco non si è mai negato a nessuno, casa della tradizione aperta all’avanguardia, sempre con prudenza.

Sanremo è l’Italia, inutile negarlo: l’Italia sotto i riflettori, l’Italia cerchiobottista e politicamente corretta, ad ogni costo; l’Italia un po’ dimenticata ed un poco da dimenticare. Non c’è scampo: lo riconoscono persino le emittenti rivali, che puntualmente sbaraccano il proprio palinsesto. Tacito accordo di non belligeranza in nome della tradizione (e dei reciproci interessi), in perfetto spirito italiano: sarebbe lesa maestà. E gli italiani son riverenti per natura.

Dalla pagliacciata in salsa tricolore del finto suicidio architettato nel ’95 per alzare gli ascolti, alla poesia dell’omaggio a De Andrè nel decennale della sua scomparsa il passo è veramente breve: il minimo comune denominatore è il palco dell’Ariston. E siamo noi. Insomma, il Festival è storia, è il “volare” di Domenico Modugno e la morte di Luigi Tenco. È una ricorrenza di cui non ci libereremo tanto facilmente. E forse è giusto così. Perché chi non lo guarda ne parla. E chi lo critica lo esalta. E in molti, nonostante tutto, lo amano. Come un parente imperfetto, che rivedi una volta l’anno; ma appartiene sempre, e per sempre, alla nostra grande famiglia.

Perché Sanremo è Sanremo.

Lorenzo Vendemiale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Birmania, sanzioni contro la musica indie

prev
Articolo Successivo

Il Mandela dei braccianti

next