Non si arresta l’ondata di gelo e per venerdì è previsto un nuovo peggioramento del tempo. Intanto la Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine in relazione ai disagi legati alle forti nevicate registrate negli ultimi giorni. L’iniziativa è legata a denunce presentate da associazioni di consumatori. In particolare il Codacons e l’Adoc hanno invocato l’intervento della magistratura per i problemi nati in città, soprattutto sul fronte della mobilità. Al centro degli esposti depositati in Procura ci sono Comune, Protezione Civile, Anas ed Enel. A muoversi sono anche i cittadini, pronti a lanciare class action contro Strade dei Parchi, concessionaria dell’autostrada A24, e contro l’Enel. E Giorgio Alemanno ha commentato, al riguardo: “Il fascicolo di indagine aperto dalla Procura è utile e opportuno. L’inchiesta contribuirà a fare chiarezza sulle responsabilità dei disagi che hanno subito i cittadini romani, così come avevo proposto, sollecitando una Commissione di inchiesta sull’accaduto”. Il sindaco di Roma è intervenuto anche per tranquillizzare che allo stato attuale ‘”non ci sono segnalazioni di criticità” per le scuole della Capitale che oggi hanno riaperto i battenti. E sull’emergenza maltempo a Roma anche il leader della Lega Umberto Bossi non ha risparmiato una stilettata al sindaco: “Una cosa giusta Alemanno l’ha fatta: non ha mandato in giro gli spazzaneve perché di neve non ce n’era, ce n’era poca”. Domani il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Vasco Errani, ha convocato una riunione straordinaria per fronteggiare la nuova emergenza maltempo attesa per venerdì.

Ed un operaio di un’impresa appaltatrice, che sta lavorando con Enel per far fronte all’emergenza meteo, è rimasto folgorato da un cavo dell’alta tensione, ad Acuto, in provincia di Frosinone. L’operaio è stato trasportato all’ospedale S.Eugenio di Roma in codice rosso. Le sue condizioni sono giudicate molto gravi: l’uomo ha infatti riportato ustioni su tutto il corpo, non è cosciente ed è stato intubato. L’assetto della rete elettrica di Enel è tornata alla normalità in Campania, in Abruzzo e in Molise. Sono ancora 3.100 le forniture disalimentate nel Lazio, delle quali 600 in Provincia di Roma e 2.500 nel Frusinate.

Il maltempo ha fatto salire il bilancio dei morti a quaranta, dall’inizio dell’emergenza. Oggi sono state 6 le vittime rinvenute dalle forze dell’ordine: una donna, probabilmente ucraina, di 62 anni, è stata trovata deceduta presso un capanno in via Carlo Torre a Milano, mentre un uomo di 58 anni è stato rinvenuto nella sua stalla, in provincia dell’Aquila, privo di vita. Altra vittima in provincia di Brescia: è morto assiderato dopo essere caduto in una roggia nel centro di Manerbio un uomo di 49 anni. E due persone sono morte per infarto nelle Marche mentre spalavano neve davanti alle proprie abitazioni. E’ accaduto a un uomo di 60 anni a Jesi e a uno di 74, in provincia di Ancona.  In serata è stato scoperto il cadavere di un uomo di 80 anni in un casolare isolato e ricoperto di neve, in Irpinia dove i sindaci della provincia di Avellino lanciano l’appello: “Siamo allo stremo, chiediamo l’intervento dell’Esercito”. In Europa sono oltre 450 i morti causati dalle cattive condizioni meteorologiche.

Sulla Sardegna ancora freddo: nevica in Gallura, a Tempio Pausania e sui paesi limitrofi, mentre piove in Costa Smeralda e Olbia. Neve fitta all’alba anche su Nuoro dove già ieri sera è caduta abbondante. A Sassari, invece, sono stati riaperti uffici pubblichi e scuole. Mentre a Cagliari, nonostante le basse temperature, non è nevicato e durante la notte si è passati da una minima di -3 a +2. Non nevica più in Calabria, ma il termometro resta intorno allo zero ed il pericolo maggiore è quello del ghiaccio. Temperature intorno a -5 gradi in gran parte della Sila, mentre restano i disagi per molti centri di montagna, soprattutto per la mancanza di energia elettrica, acqua e linee telefoniche. Sono attive, per questo, diverse squadre di emergenza che stanno provando a limitare i disagi e a ripristinare le attività. Una corsa contro il tempo, dal momento che dopo questa tregua è previsto un nuovo peggioramento della situazione climatica.

E forti disagi si sono registrati anche a Torino: in giornata i freddo ha bloccato la circolazione della metropolitana sospesa nel tratto tra Porta Nuova e Lingotto per i problemi causati dal gelo che ha danneggiato le tubature. E le rigide temperature, nella scorsa notte, hanno anche causato la rottura di una tubatura dell’acqua nell’ambulatorio di psichiatria di corso Unione Sovietica. L’allagamento dei locali ed il crollo di alcuni pezzi di una parete hanno reso la struttura parzialmente inagibile.

(E.B.)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italia acquista i primi tre caccia F-35
Costeranno 181 milioni di euro

next
Articolo Successivo

Omicidio di malavita in via Torrevecchia
Ma qui nessuno vuole parlare di mafia

next