Piazza Tahrir sembra tornata indietro di qualche mese, quando a fine novembre i manifestanti e la polizia si scontrarono per quasi una settimana. Più di 80 egiziani morirono in quei giorni. La protesta contro il massacro di Port Said della settimana scorsa si è trasformata in un assedio al Ministero degli Interni, e dal Cairo si è allargata in altre città. Centinaia i feriti e almeno 10 i morti. I manifestanti ripetono che i fatti di Port Said, come l’ondata di violenze di questi giorni, sono parte di preciso piano della Giunta Militare e del governo, che stanno tentando di gettare il paese nel caos, per poter reintrodurre la legge militare, in vigore da trent’anni e fatta decadere, ma solo parzialmente, il 25 gennaio dal generale Tantawi. di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, studenti: “Università bene comune”

prev
Articolo Successivo

Beha: “Come nel Ventennio, quando le partite cominciavano tutte allo stesso orario”

next