Cresce l’inflazione nel nostro Paese nel 2011 e contestualmente scende il potere di acquisto delle famiglie, mentre cala anche la loro propensione al risparmio. E’ quanto emerge dai dati diffusi dall’Istat sul “Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società” nel terzo trimestre del 2011. Il tasso medio anno per il 2011, secondo i dati Istat, ha toccato il 2,8%, l’1,3% in più rispetto all’anno precedente, quando il tasso d’inflazione era all’1,5%. Salgono i prezzi dei prodotti da carrello, quelli della spesa degli italiani al supermercato. I prezzi dei prodotti più acquistati sono aumentati in media del 3,5%, rispetto al 2% del 2010. Si tratta del dato più alto dal 2008 (4,8%). E cala anche la propensione al risparmio delle famiglie italiane. Nel terzo trimestre del 2011 è calata dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e allo stesso del 2010, attestandosi all’11,6%. Rispetto al terzo trimestre del 2010, il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti è aumentato del 2,7%, a fronte di una crescita del 2,8% della spesa delle famiglie per consumi finali. ll potere di acquisto delle famiglie è poi calato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,1% rispetto al corrispondente trimestre del 2010.

Stabile il tasso di investimento delle famiglie nel terzo trimestre 2011 si è attestato al 10%, invariato rispetto al trimestre precedente, ma in lieve diminuzione, di uno 0,1 per cento, rispetto al terzo trimestre del 2010. Gli investimenti delle famiglie sono diminuite dello 0,3% rispetto al trimestre precedente. Rispetto agli ultimi mesi del 2011 si registrano poi forti rialzi congiunturali dei prezzi di altri prodotti di largo consumo, come i carburanti: la benzina a dicembre 2011 aumenta dell’1,9% su novembre, mentre il relativo tasso di crescita tendenziale scende al 15,8% (dal 16,6% di novembre). Il prezzo del gasolio per mezzi di trasporto segna un rialzo congiunturale del 5,6% e cresce su base annua del 24,3% (dal 21,1% di novembre). Si tratta del livello più alto dal luglio del 2008.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rating, ma gli Stati si possono misurare?

next
Articolo Successivo

Smog: dov’è l’emergenza?

next