Cresce l’inflazione nel nostro Paese nel 2011 e contestualmente scende il potere di acquisto delle famiglie, mentre cala anche la loro propensione al risparmio. E’ quanto emerge dai dati diffusi dall’Istat sul “Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società” nel terzo trimestre del 2011. Il tasso medio anno per il 2011, secondo i dati Istat, ha toccato il 2,8%, l’1,3% in più rispetto all’anno precedente, quando il tasso d’inflazione era all’1,5%. Salgono i prezzi dei prodotti da carrello, quelli della spesa degli italiani al supermercato. I prezzi dei prodotti più acquistati sono aumentati in media del 3,5%, rispetto al 2% del 2010. Si tratta del dato più alto dal 2008 (4,8%). E cala anche la propensione al risparmio delle famiglie italiane. Nel terzo trimestre del 2011 è calata dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e allo stesso del 2010, attestandosi all’11,6%. Rispetto al terzo trimestre del 2010, il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti è aumentato del 2,7%, a fronte di una crescita del 2,8% della spesa delle famiglie per consumi finali. ll potere di acquisto delle famiglie è poi calato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,1% rispetto al corrispondente trimestre del 2010.

Stabile il tasso di investimento delle famiglie nel terzo trimestre 2011 si è attestato al 10%, invariato rispetto al trimestre precedente, ma in lieve diminuzione, di uno 0,1 per cento, rispetto al terzo trimestre del 2010. Gli investimenti delle famiglie sono diminuite dello 0,3% rispetto al trimestre precedente. Rispetto agli ultimi mesi del 2011 si registrano poi forti rialzi congiunturali dei prezzi di altri prodotti di largo consumo, come i carburanti: la benzina a dicembre 2011 aumenta dell’1,9% su novembre, mentre il relativo tasso di crescita tendenziale scende al 15,8% (dal 16,6% di novembre). Il prezzo del gasolio per mezzi di trasporto segna un rialzo congiunturale del 5,6% e cresce su base annua del 24,3% (dal 21,1% di novembre). Si tratta del livello più alto dal luglio del 2008.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rating, ma gli Stati si possono misurare?

prev
Articolo Successivo

Smog: dov’è l’emergenza?

next