“Abbiamo sentito un forte rumore, poi i piatti che volavano e il panico”. Giuseppe è uno dei naufraghi della Costa Concordia. “Ho pensato a salvare il mio gruppo, siamo 10 pugliesi in vacanza, ho capito che i soccorsi a bordo erano inadeguati, non si riuscivano a coordinare i tanti filippini e tunisini dell’equipaggio” e aggiunge “io sono esperto di mare, ho fatto il militare nel battaglione san Marco, sono salito su una scialuppa, ma sono che io mi sono occupato della cosa, ho visto gente che non sapeva cosa fare, alcune persone si sono gettate in mare”. Il gruppo dei pugliesi proviene da Brindisi e sono ora stati trasportati a Civitavecchia. “Abbiamo perso tutto, persino le chiavi delle nostre auto. E’ stato veramente un incubo” (ascolta l’audio integrale e leggi l’articolo).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Costa (Dg): “Il comandante era al timone”

prev
Articolo Successivo

Herat, donne in carcere perché “fuggite da casa”

next