Nel vecchio anno è morto Luigi Verzè e si è portato via tutti i segreti di quell’impero economico e scientifico che ha costruito a Milano e che ha cercato di esportare in altre realtà che Report e la videochat di Alberto Nerazzini hanno ben dettagliato.

Nel vecchio anno è arrivata l’unica offerta di 305 milioni di euro di Rotelli per la copertura di parte dei debiti del San Raffaele. Aspettiamo rilanci e l’offerta dello Ior entro il 10 gennaio 2012.

Nel nuovo anno sono previsti nuovi rincari sanitari. In Regione Lombardia scattano i nuovi ticket dal 1° gennaio 2012.

Da quando la sanità è diventata una “azienda” sono stati posti ai vertici dei “manager”, generalmente con legami politici, a cui non si richiedono competenze cliniche con fratture fra gestione e cura del malato con casi di subordinazione della cura al profitto dell’azienda sanitaria.

Investire nella sanità rende: da qualche clinica privata di modeste dimensioni si arriva a imperi sanitari, si entra nel Gotha della finanza. Gli “accrediti” sono una manna, i controlli inesistenti all’ombra di governi corrotti e compiacenti.

Ma la sanità è diventata un mercato?

Spesso i privati selezionano la loro offerta concentrandola nelle aree a maggior redditività lasciando al settore pubblico le prestazioni meno remunerative. La crisi del settore pubblico necessita di una riforma di formazione, valutazione e motivazione che porti all’interesse del paziente, in modo da battere il privato migliorando l’appropriatezza medica con recupero di spesa.

Forse il ritorno ad una vera medicina di base che non porti ad un rimbalzo del paziente, senza una vera presa in carico che lo rassicuri e blocchi la continua ricerca di esami clinici e specialistici, può essere l’inizio di un nuovo rapporto pubblico-privato.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Baby-Xitter, la tata diventa operatore sociale
con il servizio a domicilio per bimbi disabili

next
Articolo Successivo

La salute viene prima di tutto?

next