In visita ai lavoratori della Servirail in presidio permanente al binario 21 della stazione centrale di Milano, il segretario generale della Cgil ha ribadito la posizione del sindacato. “Riduzione della precarietà — dice Susanna Camusso – adottando la formula dell’apprendistato in sostituzione dello stage, e accesso agli ammortizzatori sociali anche per le tipologie di lavoro discontinuo”. Sulle pensioni poi, “l’argomento non è chiuso – ricorda il Segretario — e lo affronteremo attraverso la discussione sul Decreto Milleproproghe”. Taglia corto sull’articolo 18: “Ci siamo già espressi, e mi sembra l’abbiano capito”. “Un Paese che sta precipitando dal punto di vista del sociale e dei diritti fondamentali – aggiunge Gino Strada, intervenuto per offrire collaborazione sanitaria ai lavoratori in presidio sulla torre — soprattutto sul concetto di pubblico: macelleria sociale da un lato, e profitto dei soliti noti dall’altro”. “Ed anche questo nuovo governo — continua il fondatore di Emergency – mi sembra non abbia invertito la rotta cioè posto il lavoro, come sancito dall’articolo 1 della Costituzione, al centro della discussione”. “Senza coscienza sociale — conclude – non si risolveremo i problemi, ne usciremo dalla crisi”. di Giovannij Lucci

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bocca, le sue ultime apparizioni in tv

prev
Articolo Successivo

Sostiene Loretta: “Effetto Monti? Non pervenuto”

next