Non possiamo non condividere e diffondere la lettera aperta al ministro Fornero della giovane dottoressa Anna Maria Cantarella, che a Piazzapulita ha ridato senso e valore alle parole solidarietà, equità e sacrificio.


Ha ragione Santoro quando dice che il futuro è come il passato. Intanto i Calle 13 cantano:

Tú no puedes comprar al viento,
Tú no puedes comprar al sol
Tú no puedes comprar la lluvia,
Tú no puedes comprar al calor.
Tú no puedes comprar las nubes,
Tú no puedes comprar mi alegría,
Tú no puedes comprar mis dolores.

Nessuno potrà comprare le nostre vite e la nostra dignità!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tv, nasce il premio Roberto Morrione

prev
Articolo Successivo

Che fine ha fatto Luttazzi?

next