Piazza Tahrir è stata pacificamente invasa venerdì da decine di migliaia di manifestanti per la preghiera del Nour, attorno a mezzogiorno. Dopo gli scontri di inizio settimana rimane alta la tensione, sono centinaia i volontari che bloccano l’accesso a via Mohammed Mahmoud, dove ha sede il Ministero degli Interni. Tra gli slogan scanditi dai manifestanti molti sono contro il generale Tantawi, che viene considerato il prosecutore del regime di Mubarak. In piazza si chiede che le elezioni vengano posticipate e ci si interroga sul ruolo dei Fratelli Musulmani, i grandi favoriti di questa tornata elettorale. di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tgcom 24, in conferenza stampa Mediaset dona telefonini

next
Articolo Successivo

Vendola: “Miracoli? Io e Letta abbiamo religioni diverse”

next