Partono bene i principali listini europei, nonostante l’incertezza sul vertice europeo di domenica che probabilmente non sarà risolutivo. L’attenzione degli investitori è puntata sul nuovo summit (dopo quello di mercoledì) che Francia e Germania intendono convocare entro mercoledì prossimo e dal quale potrebbe emergere una decisione finale sul fondo salva-Stati. Intanto l’agenda europea si riempie di appuntamenti: nel pomeriggio, riunione straordinaria dei ministri delle Finanze dell’Eurogruppo, sabato ci sarà l’Ecofin, il consiglio tra tutti i ministri dell’Ue a 27, e domenica il vertice tra capi di Stato e di Governo.

Piazza Affari conquista la maglia rosa tra i listini europei, grazie al rimbalzo dei titoli bancari, dopo il tonfo di ieri: il Ftse Mib guadagna l’1,1%, mentre il Ftse All Share ha un aumento dello 0,87%. Tra i titoli principali,i migliori sono Intesa e Unicredit che guadagnano oltre sei punti percentuali, e Monte dei Paschi, in aumento del 3,62%. Più cauta tra le banche la Popolare di Milano (+1,05%) alla vigilia degli appuntamenti decisivi per il cambio della governance. Solida Mediaset (+2,03%), positiva Fiat che sale dell’1,57% e nel pomeriggio arriva a toccare quota 3,23%, piatta Eni (+0,32%), debole Enel, che cede l’1,36%. Nel paniere a minore capitalizzazione, il titolo della Juventus (+1,05%) rimane insensibile all’inchiesta della Procura di Torino sulle forniture per il nuovo stadio.

Dopo la chiusura di ieri a 402 punti, lo spread fra i Btp a dieci anni e i bund tedeschi torna per un soffio sotto quota 400, per l’esattezza a 399 punti. Nel pomeriggio il differenziale scende ancora attestandosi a quota 385. In Europa il differenziale fra i titoli tedeschi e i Bonos spagnoli è in mattinata a 353 punti, poi scende a 343. Mentre la differenza dei titoli francesi con i bund è attorno 119 punti. Secondo l’agenzia di rating Fitch, Italia e Spagna sono “paesi solvibili ma potenzialmente illiquidi”. Intanto la Banca centrale europea ha acquistato oggi titoli di Stato italiani e spagnoli.

In mattinata rialzo anche per Parigi (+0,37%), mentre frenano Londra (+0,70%) e Francoforte (+0,43%). Nel mese di ottobre l’indice Ifo, che misura le aspettative sull’andamento dell’economia tedesco, è sceso a 106,4 punti dai 10,7,5 punti di settembre. Si allineano sul segno più anche i listini di Madrid (+1,41%), Amsterdam (+0,41%), Atene (+1,78%) e Zurigo (+0,37%). Lieve flessione per la piazza di Lisbona (-0,07%). Nel 2010 la media del deficit pubblico nei 17 paesi dell’Eurozona è sceso al 6,2% del pil complessivo, ma il rapporto debito/pil è salito all’80,2% (dati Eurostat). Dopo il giro di boa le principali piazze accelerano al rialzo: Atene vola a +5,1% dopo l’approvazione da parte del Parlamento del piano d’austerity. Londra sale a +1,29%, Francoforte a +1,95%, Milano avanza del 2,16%, Parigi cresce dell’1,5%.

Le piazze finanziarie cinesi chiudono in ribasso: a Shanghai il Composite Index chiude a 2.317,28 punti (-0,60%), mentre a Shenzhen il Component Index archivia la seduta con una flessione dell’1,01% a 9.697,21 punti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Premio Nobel per l’economia è un furto

next
Articolo Successivo

L’Unione europea avvisa l’Italia:
“Subito forti misure per la crescita”

next