Vi invito a leggere la trascrizione di una notizia del Tg5 nell’edizione di ieri delle 13, sullinchiesta Mediatrade che vedeva come imputato il presidente del Consiglio: “La novità piu importante – afferma l’inviato da Milano – è che il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato prosciolto per non aver commesso il fatto nella vicenda Mediatrade, una presunta frode fiscale per l’acquisto di film dalla Paramount e da altre società statunitensi tramite il mediatore Frank Agrama”.

Fin qui la prima parte della notizia, data con assoluta obiettività. Ed ecco la seconda parte del telegiornale di casa Berlusconi: “Ma il gup Maria Grazia Vicedomini non potendo, non volendo sconfessare del tutto anni ed anni di udienze ed indagini da parte del pubblico ministero Fabio De Pasquale ha deciso il rinvio a giudizio degli altri imputati di questa vicenda, e cioè Pier Silvio Berlusconi, figlio del presidente del consiglio e il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri e altri dirigenti”.

Quindi, secondo il Tg5 il rinvio a giudizio non sarebbe avvenuto perchè il Gup ha rilevato un’ipotesi di reato ma solo perché, dopo tanti anni di accanimento, perlomeno qualcuno della famiglia e dell’azienda del premier bisognava metterlo sotto processo…

Terza parte del servizio: “A sottolineare anche come in questo palazzo, che state vedendo in queste immagini (il Palazzo di Giustizia di Milano, ndr) ci sia una velocità particolare per determinati processi – qui c’è gente che aspetta magari anni ed anni per avere una prima udienza – ebbene il gup ha deciso che davanti alla seconda sessione penale i dirigenti Mediaset dovranno comparire il prossimo 22 dicembre”.

Il palazzo di Giustizia di Milano è quel luogo che, secondo le intercettazioni del 2009 con Valter Lavitola, Berlusconi voleva far fuori, insieme a Repubblica, portando in piazza milioni di persone… L’ordine di servizio mediatico è partito?

La scena finale del film il Caimano sembra meno agghiacciante della realtà…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Appalti Enav, Marco Milanese
a giudizio il 21 febbraio

next
Articolo Successivo

Buco nei conti al Comune di Reggio Calabria
Avviso di garanzia al governatore Scopelliti

next