Tensioni a Roma in via Nazionale tra gli indignati che si sono accampati davanti al Palazzo delle Esposizioni, in attesa della manifestazione del 15 ottobre, e le forze di dell’ordine. Sono a due passi da Palazzo Koch, sede della Banca d’Italia di Mario Draghi che a breve lascerà l’incarico per guidare la Bce. E sono proprio gli istituti finanziari come Bankitalia, la Banca centrale europea e il Fondo monetario internazionale i loro obbiettivi, i colpevoli della crisi economica e del debito, così come per gli Indignados in Spagna e il movimento ‘Occupy Wall street’ in America. Qui da noi si chiamano “Draghi ribelli“. E con un dragone umano hanno cercato di contagiare la città con la loro protesta. Ma Roma è blindata ed ogni via è stata chiusa dalle camionette della polizia per non farli passare.
Servizio di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi chiede la fiducia, Bersani: “Un discorso penoso”

next
Articolo Successivo

“La Grecia esca dall’euro e dichiari il default”

next