Massimo Calearo, eletto nel Pd nel 2008 grazie a Walter Veltroni e poi passato nella maggioranza nel gruppo di Popolo e Territorio, spara a zero, durante la trasmissione “In Onda” su La7, contro Domenico Scilipoti, che recentemente ha proposto a Tremonti un doppio condono, fiscale ed edilizio, per far quadrare i conti dello Stato: “Voglio fare una premessa, forse da domani mi farò qualche nemico. L’onorevole Scilipoti lavora per i fatti suoi, le proposte sono sue personali, è all’interno di Popolo e Territorio, e non so per quanto, con una sua compagine che ha due componenti: lui e il sottosegretario Cesario”. Calearo, quindi, prende le distanze dall’originale proposta di Scilipoti e conclude: “Ho fatto un errore di gioventù, perchè considero il sottosegretario Cesario una persona per bene, mi ha chiesto quella volta di aiutare Scilipoti, che non conoscevo, ad uscire dall’IdV e abbiamo fatto sta sceneggiata. Il giorno dopo, quando Scilipoti ha voluto fare un partito, Movimento di responsabilità nazionale, ho detto ‘Grazie, ragazzi, arrivederci. Fate la vostra strada’”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Penati, Di Pietro: “Faceva meglio a darci un taglio netto. E il Pd sbaglia sul porcellum”

prev
Articolo Successivo

Il Trota fra contestazioni e pedalate

next