C’è un cinema abbandonato nella provincia orientale di Taranto che ha riaperto per la prima volta al pubblico dopo trent’anni. E c’è un paese intorno a quel cinema che sta provando a guardare agli immigrati in un modo nuovo. A Lizzano è in corso Sferracavalli, un festival internazionale di teatro che ogni anno sarà dedicato ai paesi più rappresentati nel territorio come numero di immigrati.

Questa prima edizione è dedicata alla Romania e ha portato in paese tre compagnie di attori, danzatori, musicisti e drammaturghi. E venti volontari, tutti ospiti delle famiglie lizzanesi e arrivati da ogni parte del mondo (India, Nuova Zelanda, Australia, Austria, Inghilterra, Spagna).

Se uno non c’è mai stato a Lizzano tutto questo forse potrebbe non sembrare così sorprendente. Ma Lizzano è un paese di diecimila abitanti in una delle province più dimenticate della Puglia, da tempo rassegnata a pensarsi periferia economica, politica, culturale e sociale. Un posto dal quale andare via al più presto. In questi giorni invece c’è un sacco di gente a Lizzano. E le richieste per i biglietti degli spettacoli sono già il doppio della capienza del cinema. Chi ancora pensa che il teatro non possa cambiare niente, dovrebbe venire a vedere quello che sta succedendo a Lizzano in questi giorni.

di Elena Favilli

Fonte: www.elenafavilli.com

La foto è tratta da: www.sferracavalli.com

Segnala il tuo blog preferito, clicca qui

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Profondo nero

prev
Articolo Successivo

Ariano Folkfestival
World music e integrazione

next