Il 12 e 13 giugno prossimi è ormai (o dovrebbe essere, uso il condizionale per chi s’informa unicamente attraverso il Tg1 e Tg2 avvezzi a cambiar date) noto che gli italiani saranno chiamati alle urne per esprimersi su quattro quesiti riguardanti l’Acqua (pubblica o privatizzata? Profitto o servizio ai cittadini?), il Nucleare (appena restituito ai cittadini da una decisione chiara e netta della Corte di Cassazione), e il Legittimo impedimento (che sarebbe il diritto del presidente del Consiglio e dei suoi ministri di dire no ai giudici, quando sono chiamati a comparire). Eppure, nonostante il referendum sia uno strumento che – soprattutto di questi tempi – permetta di salvare l’immagine di una democrazia funzionante solo di facciata, ma che qualitativamente è marcia, una parte (politica) è contraria. (Leggi l’articolo)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Armando Spataro: “Perché voterò sì sul legittimo impedimento”

next
Articolo Successivo

Europride Roma 2011, il movimento Lgbtq: “Liberi dalla politica e dal Vaticano”

next