beppe grilloParodia liberamente tratta dall’ultimo comunicato di un certo Beppe Grullo, insigne statista del XXI secolo. Forse non fa ridere, ma di sicuro ha più senso politico del comunicato originale.

Ha vinto il Teorema. Quello che ti fa calcolare il quadrato dell’ipotenusa quando hai la somma dei quadrati dei due cateti, ma alla fine vince sempre lui. Che trasforma gli elettori in tifosi contenti che finalmente ha vinto la sinistra o, alternativamente, ha vinto la destra. E badate che ho detto “alternativamente”, mica “laternativamente”. Qualcuno ha detto al Pdmenoelle che “E’ facile vincere con i cateti degli altri“. Già, ma chi sono gli altri?

Archimede Pitagorico inventore di Paperopoli, tessera pdmenoelle numero UNO (che ha per lo scienziato disneyano gli stessi effetti taumaturgici della mitica monetina di Zio Paperone), Topolino deputato a Paperopoli e sindaco a Topolinia che vuole la militarizzazione della val di Valle? Edy, suo fido aiutante, che costruisce inceneritori insieme a Brigitte, destina 120 milioni di dollaroni di denaro pubblico della Regione Papera alla fondazione Nonna Papera di Basettoni, padre spirituale di Gastone e mantiene privata la gestione dell’acqua?

Il Teorema ha liquidato Gastone e deve presentare nuove facce per non essere travolto. Se sono vecchie, le fa passare per nuove. Se sono nuove le fagocita con la tessera di partito e ruoli di rappresentanza. Se Archimede Pitagorico fermerà almeno la gravitazione della Terra intorno al Sole, chiuderà il Mediterraneo, taglierà del 75% gli stipendi degli assessori comunali, mi ricrederò, (no! ohibò! ma dài? come no! dài! ho detto sì!) pensate che lo farà?

Dei referendum non parla più nessuno. Tutti in piazza a festeggiare. Tutto cambia perché nulla cambi, ché mi son appena finito di leggere Mille aforismi dalla letteratura.  E poi le distorsioni dei nomi degli avversari politici ci vengono comicissime, e ne abbiamo ancora a bizzeffe. Sentite queste: Pussapia, Pizzapia, Pissipia, Puzzapia e Pisapippa. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nucleare, gioie e dolori dopo il sì della Corte Pd: “Basta trucchi”. Pdl: “No a valore politico”

prev
Articolo Successivo

Napoli, dopo il crollo di Lettieri
Nel Pdl scatta la caccia al colpevole

next