Il popolo dei ‘No war‘  torna in piazza a Roma. Raccolgono l’appello lanciato da Gino Strada ed Emergency, stavolta contro la guerra in Libia. Sono centinaia ma non riescono a riempire la storica piazza navona. I pacifisti e il popolo arcobaleno hanno messo in moto un tam-tam per una giornata nazionale di mobilitazione contro la guerra in diverse regioni italiane ma anche per l’accoglienza e la protezione dei profughi e dei migranti. Il vignettista Vauro dal palco ha gridato: “Siamo anche noi, come le migliaia di libici e tunisini che sbarcano sulle nostre coste, lo tsunami umano che vuole ribellarsi a Berlusconi, a Sarkozy, a Obama per questa terribile guerra”. “Alle armi – ha detto Gino Strada – non si può mai dire di sì così come di fronte a chi fugge dalla guerra per noi non esistono differenze. Non ci sono né clandestini, né immigrati, né profughi ma solo persone da accogliere e da aiutare”.
Riprese e montaggio, Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pdl, Scajola: “Non faccio minacce, chiedo un Pdl più efficiente”

next
Articolo Successivo

Immigrati, manifestazione della Lega nord a Ventimiglia

next