Il popolo dei ‘No war‘  torna in piazza a Roma. Raccolgono l’appello lanciato da Gino Strada ed Emergency, stavolta contro la guerra in Libia. Sono centinaia ma non riescono a riempire la storica piazza navona. I pacifisti e il popolo arcobaleno hanno messo in moto un tam-tam per una giornata nazionale di mobilitazione contro la guerra in diverse regioni italiane ma anche per l’accoglienza e la protezione dei profughi e dei migranti. Il vignettista Vauro dal palco ha gridato: “Siamo anche noi, come le migliaia di libici e tunisini che sbarcano sulle nostre coste, lo tsunami umano che vuole ribellarsi a Berlusconi, a Sarkozy, a Obama per questa terribile guerra”. “Alle armi – ha detto Gino Strada – non si può mai dire di sì così come di fronte a chi fugge dalla guerra per noi non esistono differenze. Non ci sono né clandestini, né immigrati, né profughi ma solo persone da accogliere e da aiutare”.
Riprese e montaggio, Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pdl, Scajola: “Non faccio minacce, chiedo un Pdl più efficiente”

prev
Articolo Successivo

Immigrati, manifestazione della Lega nord a Ventimiglia

next