La vignetta di Arnald tratta da Diversamenteoccupati.itIl boom economico, la lavatrice, il frigorifero, la Seicento, la tv in salotto e il giovane operaio ex contadino che con il cuore gonfio e la valigia di cartone arriva in massa a Torino, Genova e Milano per costruirsi un futuro radioso. La cartolina sbiadita dell’epoca d’oro del fordismo italiano ci racconta di un mondo diverso, dove il sudore della fronte e la speranza, le umiliazioni e le piccole conquiste erano il pane quotidiano di un proletariato sradicato e trattato con disprezzo, pronto a fare sacrifici disumani per rincorrere il sogno di un benessere diffuso, duraturo e democratico. E per far sì che i propri figli, figlie e nipoti potessero studiare e costruirsi un avvenire ancor più dignitoso.

Mezzo secolo dopo, la catena di montaggio del capitalismo industriale si è trasformata nella catena di smontaggio del capitalismo post-industriale. Mentre prima si producevano beni di consumo, profitto e illusioni, ora si producono in serie esistenze precarie, profitto (per pochi), rabbia e frustrazione (per molti). I figli, le figlie e i nipoti di chi negli anni Sessanta aveva vent’anni sono davvero andati a scuola, ma il loro diploma o la loro laurea oggi valgono poco o nulla, in troppi casi portano soltanto a stage gratuiti o a contratti (interinali, a termine, a progetto) mal retribuiti.

Si dirà: che ci vuoi fare, è la fase storica, è la ruota che gira, è la crisi, è colpa dei cinesi, è fuori dal nostro controllo. Ma sono scuse. La realtà è che qui e ora, nell’Italia del 2011 e in tutte le altre economie fino a ieri più avanzate, è necessario organizzarsi e iniziare a pensare a come opporsi alla catena di smontaggio che ci ha reso tutti – dall’operaio al migrante, dallo studente al lavoratore parasubordinato – precari e precarie.

Bisogna cambiare ottica, e parlare non più di diritto al lavoro ma di diritto alla scelta del lavoro: una libertà di scelta che permetta di rifiutare le marchette e le proposte indegne di aziende ingorde, furbe e bastarde che giocano al ribasso offrendo condizioni contrattuali e di salario sempre più infime. La lotta alla precarietà deve creare un nuovo linguaggio fatto di diritti, cittadinanza, interessi comuni. I diritti conquistati dai nostri genitori e dai nostri nonni, legati al posto fisso e alla famiglia nucleare, sono sotto attacco, e comunque non bastano più.

Vignetta di Arnald – Per ingrandire clicca qui

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il modello Mirafiori fa scuola
Adesso tocca alle Officine di Grugliasco

prev
Articolo Successivo

Il cane siamo noi

next