Una controffensiva puntigliosa per respingere le accuse dei pm milanesi con una chiusa tutta politica in cui Silvio Berlusconi ribadisce di voler andare avanti con il governo e procedere ad una riforma della giustizia per impedire che magistrati di sinistra tentino di far fuori chi è stato democraticamente eletto.

Sarebbe questo, secondo quanto si apprende, parte del contenuto del messaggio ai Promotori della Libertà che il premier sta registrando in questi minuti a palazzo Grazioli, e che sarà reso pubblico in serata. Il Cavaliere punta anche su quella che definisce una persecuzione giudiziaria, sulla totale inconsistenza delle accuse, entrando nei dettagli della vicenda Ruby e sottolineando che un simile dispiegamento di mezzi e forze dell’ordine viene messo in campo solo per combattere la criminalità organizzata. Nel rigettare ogni addebito, sostenendo che sarà facilissimo smontare il teorema accusatorio, Berlusconi parla di violazione dei principi costituzionali e conferma anche di non voler andare dai pm milanesi perche’ li considera non competenti sulla vicenda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Che pena quella destra che rimane in silenzio

prev
Articolo Successivo

Berlusconi: “Incredibili violazioni di leggi. E non mi devo vergognare di niente”

next