Un palazzo oramai pericolante e i suoi ex uffici trasformati in camerate, dove, su materassi e cartoni buttati per terra in mezzo ai rifiuti e ai topi, vivono centocinquanta rifugiati politici provenienti dalla Somalia. Hanno tutti i documenti in regola e, in quanto richiedenti asilo, avrebbero diritto a dei programmi di assistenza. Ma invece, nell’indifferenza delle istituzioni, vivono in mezzo ai rifiuti senza luce, acqua potabile e riscaldamento. Video di Lorenzo GaleazziDavid Perluigi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italia vista dai corrispondenti esteri

next
Articolo Successivo

Beha: “Il Milan che vince è, ahinoi, garanzia elettorale per B.”

next