Martin Bormann Jr era un sacerdote che violentava e picchiava i suoi allievi. Non un sacerdote qualsiasi, ma il figlio di uno dei più importanti gerarchi nazisti, il segretario personale di Hitler, Martin Bormann. Le accuse arrivano da un ex studente di una scuola religiosa di Salisburgo e si riferisce a episodi che sarebbero accaduti negli anni ’60. Victor M., un austriaco di 63 anni, ha raccontato alla rivista Profil episodi di molestie, violenze e percosse di cui è stato vittima quando aveva 12 anni. Bormann allora era un prete trentenne, preside dell’istituto. Altri tre ex studenti si sono fatti avanti, confermando la versione di Victor riguardo agli atti di pedofilia e alla brutalità di Bormann, che in alcuni casi pestava i ragazzi così violentemente da lasciarli coperti di sangue.

Contattato dalla rivista, Bormann ha detto di non ricordare gli episodi raccontati dalle presunte vittime. Oggi il sacerdote ha 80 anni e abita in Germania: è una figura nota per la sua opera di sensibilizzazione contro il nazismo e le ideologie professate dal padre. Che ricoprì le cariche di capo della cancelleria del partito nazionalsocialista e diventò segretario personale di Hitler. Probabilmente ucciso in un bombardamento nelle vicinanze del bunker di Hitler a Berlino, il gerarca fu processato a Norimberga in contumacia e condannato a morte, visto che non c’erano prove sufficienti del suo effettivo decesso.

Il figlio Martin Jr, primogenito di nove tra fratelli e sorelle, venne a contatto sin dalla tenera età con il mondo nazista e gli ambienti riservati dei collaboratori del padre. Conobbe gerarchi del calibro di Heinrich Himmler, Joseph Goebbels e Hermann Goring. Bormann rimase scioccato dai terribili crimini perpetrati del regime nazista. Nel tentativo di espiare le colpe del padre, dopo la guerra diventò prete cattolico e poi missionario, stanziato in Congo ed altri stati africani. Andava spesso a parlare nelle scuole dell’olocausto e dei crimini e ideologie naziste. Ha raccontato, in diverse trasmissioni e recentemente nel documentario Hitler’s Henchmen del canale inglese Channel 5, che la moglie di Himmler gli mostrò quand’era bambino una sedia fatta di ossa umane. Nel 1971, Bormann lasciò i voti per sposare una suora che lo aveva curato dopo un incidente quasi mortale avuto due anni prima.

di Davide Ghilotti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

City of Mafia

next
Articolo Successivo

Marea nera, per il governo Usa
Bp colpevole del disastro ambientale

next