Socialisti, Lega, Pdl. Di fronte al consolato brasiliano di Milano si protesta contro la mancata estradizione del terrorista Cesare Battisti. A iniziare, alle 11, sono i socialisti del Pse: “Siamo qui come uomini di sinistra”, commentano i manifestanti, convinti che sulla decisione del Brasile sia pesato il ruolo marginale dell’Italia a livello internazionale. “Quelle di Berlusconi sono barzellette”, spiegano. “La verità è che contiamo troppo poco”. A mezzogiorno tocca alla Lega Nord. “Dobbiamo boicottare tutto ciò che viene dal Brasile”, propone Igor Iezzi, segretario cittadino del Carroccio. E alle accuse di strumentalizzazione risponde il presidente del Consiglio regionale Davide Boni: “La decisione del Brasile è uno schiaffo a tutto il Paese”. In serata davanti al consolato è il turno del presidio Pdl. Video di Franz Barragino

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Il rap su Assange

next
Articolo Successivo

L’Italia vista dai corrispondenti esteri

next