Uno finisce, l’altro inizia: non il governo, ma l’anno. In attesa di cult e scult del 2011, ecco un sintetico bilancio audiovisivo dei 12 mesi che vanno in archivio. Anzi, una personale classifica del meglio cinema (& Co.), con un’ovvia avvertenza: i gusti son sempre giusti, almeno i propri…

Miglior film italiano (unico ex aequo, promesso!):
L’uomo che verrà di Giorgio Diritti
Le quattro volte di Michelangelo Frammartino
Io sono l’amore di Luca Guadagnino

Miglior film straniero:
The Social Network di David Fincher

Miglior attore italiano:
Elio Germano (La nostra vita)

Miglior attrice italiana:
Greta Zuccheri Montanari (L’uomo che verrà)

Miglior attore straniero:
Jesse Eisenberg (The Social Network)

Miglior attrice straniera:
Natalie Portman (Black Swan)

Miglior colonna sonora:
The Social Network (Trent Reznor e Atticus Ross)

Miglior videoclip:
Vip in trip (Fabri Fibra)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Per cosa ci indigniamo ancora?

prev
Articolo Successivo

Indignarsi come comandamento

next