Uno finisce, l’altro inizia: non il governo, ma l’anno. In attesa di cult e scult del 2011, ecco un sintetico bilancio audiovisivo dei 12 mesi che vanno in archivio. Anzi, una personale classifica del meglio cinema (& Co.), con un’ovvia avvertenza: i gusti son sempre giusti, almeno i propri…

Miglior film italiano (unico ex aequo, promesso!):
L’uomo che verrà di Giorgio Diritti
Le quattro volte di Michelangelo Frammartino
Io sono l’amore di Luca Guadagnino

Miglior film straniero:
The Social Network di David Fincher

Miglior attore italiano:
Elio Germano (La nostra vita)

Miglior attrice italiana:
Greta Zuccheri Montanari (L’uomo che verrà)

Miglior attore straniero:
Jesse Eisenberg (The Social Network)

Miglior attrice straniera:
Natalie Portman (Black Swan)

Miglior colonna sonora:
The Social Network (Trent Reznor e Atticus Ross)

Miglior videoclip:
Vip in trip (Fabri Fibra)

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Per cosa ci indigniamo ancora?

next
Articolo Successivo

Indignarsi come comandamento

next