Radio Padania è la radio della Lega Nord. La Lega Nord è al Governo. La premessa è necessaria.

La domenica pomeriggio, Radio Padania manda in onda una trasmissione dedicata al mondo della scuola (padana), che si intitola L’ora buca. Ed è condotta da giovani, naturalmente. Fin qui, a parte la parentesi dell’aggettivo padana accanto al sostantivo scuola, non c’è quasi nulla di cui meravigliarsi. Conduce un giovanissimo consigliere comunale di Desio, insieme a qualche collega.

C’è di che meravigliarsi ascoltando i baldi giovani alla conduzione del programma? Sentiamone un pezzo, tratto dalla trasmissione di ieri, 19 dicembre 2010.

Al di là del livello della conversazione, al di là del Burundi, buh buh buh, che non riesce a suscitare nemmeno il minimo sforzo sinaptico se non una sensazione di freddo desolante, forse ci si può meravigliare un po’. Sì. Quando si ascolta l’invito dei conduttori ai poliziotti, contro i “bastardi” (sic!) dei centri sociali.

«Picchiate duro.»
«Spaccate un po’ di ossa. Vogliamo sentire un po’ di crack delle ossicina del braccio che si rompono.»

O forse non c’è di che meravigliarsi affatto.

Qual era la premessa?
Radio Padania è la radio della Lega Nord. La Lega Nord è al Governo.

Il video con la registrazione da Radio Padania è stato rimosso da YouTube. Ora si trova qui

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’onda studentesca si schianta ad Annozero

prev
Articolo Successivo

Studenti informati informano

next