Gioco scadente e Lazio fortunata in questa ottava giornata di serie A. L’Inter non vince e la Juve nemmeno. In compenso, la vecchia signora incassa generose sviste dai fischietti. Come il rigore fantasma assegnato da De Marco dopo il tuffo in area di Krasic, degno di Tania Cagnotto. “Meno male che non abbiamo segnato”, ammette il dirigente juventino Beppe Marotta dopo il triplice fischio. Rigore inventato: proprio alla vigilia di un nuovo capitolo di Calciopoli.
Martedì infatti riparte il processo e Moggi rischia la radiazione. Ma secondo Beha, il problema sono gli altri. Come il colonnello dei carabinieri Attilio Auricchio, che cassa le telefonate “secondo l’opportunità”.
Poi l’impresa del 17enne Matteo Manassero, il più giovane golfista della storia a vincere un torneo dell’European tour. E la vittoria di Alonso al Gp in Corea che rilancia la Ferrari. “Un paradiso” per il Lingotto, che punta alla quotazione in borsa separata di due comparti: Fiat auto (di cui fa parte il cavallino rampante) e Fiat Industrial.
Montaggio e riprese di Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dal corteo Fiom, il reportage dei lettori del Fatto

prev
Articolo Successivo

I giornalisti di B. con l’ossessione per Travaglio e Santoro

next