Sarà che Berlusconi è – per quanto? – ancora lì, sarà che l’autoproclamato Robin Hood, Fabrizio Corona, non smette di combinare cazzate a uso stampa (il Corsera ci casca puntualmente, con dovizia di spazio online…), sarà che in sala l’offerta si può rifiutare, fatto sta che Videocracy merita di essere recuperato in homevideo (+ libro, con Fandango). Non è scaduto, ma non è una buona notizia.
Da Lele Mora a Corona passando per reality, tronisti, veline e sogni privati per il piccolo schermo pubblico, il documentario dell’italo-svedese Erik Gandini inquadra il “bestiario” televisivo italiano per rintracciare la genealogia del nostro sistema politico-mediatico, che da 30 anni ha un nome e un cognome: Silvio Berlusconi, “il Presidente prima della televisione, poi di tutto”..
Non è un documentario politico e militante, alla Michael Moore per intenderci, ma un lavoro emotivo, “ispirato dal cinema di Antonioni”, che va oltre e “fuori tema” dalla tesi di fondo: l’immagine è (il) potere, soprattutto in Italia, la patria del Presidente, dove tutto è concesso, anzi, dove tutto è normale.

Così, senza colpo ferire, Mora ci presenta le proprie creature, tronisti palestrati nel dolce far niente della sua villa in Costa Smeralda, rimpiange che Berlusconi, ahinoi, non sia come Mussolini, e ci fa sentire canzoni fasciste dal suo telefonino, mentre Corona pontifica, sguinzaglia i paparazzi dietro il vip di turno, fa vacue ospitate in discoteca e si mostra nudo e compiaciuto sotto la doccia.
L’unica speranza, quella del documentario, è che Corona, Mora e gli altri capiscano, un giorno, che la festa è finita, che, come dice Gandini, “fun is not fun anymore”.
Una constatazione di cui il filmaker, già noto per la co-regia Gitmo e il doc-shock Surplus, impregna pause e volti, creando lo straniamento necessario per accostarsi alla telecrazia: l’imperatore Silvio, i soldati Mora e Corona e i plebei, come il “Virgilio bergamasco”, capace di unire alla voce e le movenze di Ricky Martin il fisico e le mosse di Jean Claude Van Damme… E’ lui ad accompagnarci nelle aspirazioni di chi celebrity televisiva non è, ma vorrebbe, fortissimamente vorrebbe.
Fuori dalla scatola magica, tutto il resto è noia, almeno per le gerarchie dell’immagine al potere, ed è buffo, e inquietante, vedere come tutto sia partito – concordiamo con Gandini – da piccole tv locali che negli anni ’70 mandarono in onda i primi spogliarelli, casalinghi, tristi e in bianco e nero. E oggi? Oggi anche il Presidente è nudo, ma pochi se ne sono accorti. E allora non ci resta che sperare (invano) nella Cal(i)ende greche…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Se siamo la nazione della tv, perché la tv fa schifo?

next
Articolo Successivo

Kill the Killers?

next