/ / di

Riccardo Noury Riccardo Noury

Riccardo Noury

Portavoce di Amnesty International Italia

Sono il portavoce di Amnesty International Italia, di cui faccio parte dal 1980. Sono autore o coautore di libri sulle violazioni dei diritti umani, in particolare sulla pena di morte e la tortura e  ho tradotto e pubblicato in Italia le poesie dei detenuti di Guantanamo. Questo  blog settimanale parlerà della primavera democratica in Medio Oriente e Africa del Nord, dei suoi protagonisti, delle rivolte e delle repressioni in corso.

Blog di Riccardo Noury

Diritti - 18 settembre 2017

Egitto, l’epidemia della tortura

“Nelle prigioni e nei centri di detenzione dell’Egitto non si pratica la tortura“. Lo ha dichiarato di recente al quotidiano cairota “Youm7” Mohamed Faek, direttore del Consiglio nazionale per i diritti umani. In poco più di un anno sono stati pubblicati almeno tre rapporti che descrivono la tortura in Egitto come un’epidemia. Liquidati come falsi. Nel […]
Diritti - 11 settembre 2017

Bahrain, tolleranza zero per il dissenso: morte o tortura per chi scrive o scende in piazza

Secondo un nuovo rapporto di Amnesty International sul Bahrain, dal giugno 2016 al giugno 2017 almeno 169 persone che avevano criticato il governo o parenti di queste ultime sono stati arrestati, torturati, minacciati o colpiti dal divieto di espatrio. La polizia ha ucciso sei manifestanti, tra cui un minorenne. Alcuni casi sono noti a chi […]
Diritti - 5 settembre 2017

Giulio Regeni, non si può sostituire la verità con la memoria

L’informativa con cui ieri il ministro degli Esteri ha motivato alle Commissioni Esteri di Camera e Senato la decisione del 14 agosto di rimandare l’ambasciatore italiano al Cairo, ha confermato quanto il tema dei diritti umani abbia un peso variabile nelle relazioni bilaterali: sacrificabili i primi in nome della stabilità delle seconde. Non sono tra […]
Diritti - 4 settembre 2017

Siria, quelle decine di migliaia di desaparecidos da non dimenticare

“Ogni giorno che passa è un giorno tremendo. Vivo di speranza, è quella che mi spinge a non smettere mai di cercarli. Spero sempre che tornino. Immagino quel giorno, quando mi avviseranno del loro rilascio”. A parlare è Fadwa Mahmoud. Suo marito e suo figlio sono scomparsi il 20 settembre 2012 a Damasco, dopo essere […]
Diritti - 28 agosto 2017

Libia, dopo sei anni i tawargha non tornano ancora a casa

Era l’agosto del 2011 quando le milizie di Misurata si accanirono con feroce violenza contro la comunità nera dei tawargha. La loro città, Tawargha appunto, era una delle basi delle forze fedeli al colonnello Gheddafi. I tawargha furono ritenuti tutti, in blocco, responsabili. Seguirono arresti, torture, sparizioni e omicidi. Le case vennero date alle fiamme. […]
Mondo - 21 agosto 2017

Iran, 10mila condannati a morte in trent’anni per droga. Ora una legge dà speranza

In tutto l’Iran vanno avanti senza sosta le esecuzioni per reati di droga: nei primi sette mesi dell’anno sono state 183 su un totale di 319 prigionieri messi a morte. La scorsa settimana, tuttavia, il Parlamento ha approvato un testo di legge in discussione da un paio d’anni che potrebbe ridurre sensibilmente il ricorso al […]
Mondo - 16 agosto 2017

Giulio Regeni non c’entra, il governo dica chiaramente perché rimanda l’ambasciatore in Egitto

Uno dei fatti temporalmente coincidenti con la decisione (per me intempestiva e immorale), presa nell’afa pre-ferragostana dal governo Gentiloni, di rimandare l’ambasciatore italiano al Cairo è ampiamente noto e se ne parla altrove sul portale del Fatto Quotidiano. Mi riferisco all’inchiesta del New York Times sull’uccisione di Giulio Regeni. La seconda coincidenza temporale è meno conosciuta. […]
Diritti - 14 agosto 2017

Bahrein, l’ossessione del re per Twitter

L’8 agosto Nabil Rajab, presidente del Centro per i diritti umani del Bahrein, si è visto rinviare per la 15esima volta il processo. Motivo? Aver criticato su Twitter l’intervento militare in Yemen e aver denunciato, sempre su Twitter, le torture compiute nel 2015 nella prigione di Jaw a seguito di una rivolta. Per questo rischia 15 anni di […]
Mondo - 7 agosto 2017

Yazidi, quel genocidio dimenticato

Il 3 agosto, il terzo anniversario dell’inizio del genocidio degli yazidi è passato inosservato, salvo poche eccezioni. Eppure, il ricordo di quei giorni dell’agosto del 2014 in Iraq e Siria è ravvicinato, e di quei due paesi si parla in continuazione: se ne parla meno dei popoli che vi vivono o, nel caso degli yazidi, […]
Diritti - 31 luglio 2017

Arabia Saudita, in 14 rischiano la decapitazione ‘per presunti reati’

A metà luglio la Corte suprema dell’Arabia Saudita ha confermato 14 condanne a morte emesse il 1° giugno 2016 dalla Corte penale speciale della capitale Riad per presunti reati collegati a proteste avvenute nella Provincia orientale, a maggioranza sciita. L’esecuzione dei 14 prigionieri mediante decapitazione potrebbe essere imminente: manca infatti solo la ratifica del re […]
Bari, la storia di buona integrazione dimenticata dalle istituzioni: 40 immigrati nell’ex liceo che aspetta da tre anni la riqualificazione con fondi europei
Milano, l’autore del cartello di insulti al disabile si scusa. Ma sono lettere di coccodrillo

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×