/ / di

Riccardo Noury Riccardo Noury

Riccardo Noury

Portavoce di Amnesty International Italia

Sono il portavoce di Amnesty International Italia, di cui faccio parte dal 1980. Sono autore o coautore di libri sulle violazioni dei diritti umani, in particolare sulla pena di morte e la tortura e  ho tradotto e pubblicato in Italia le poesie dei detenuti di Guantanamo. Questo  blog settimanale parlerà della primavera democratica in Medio Oriente e Africa del Nord, dei suoi protagonisti, delle rivolte e delle repressioni in corso.

Blog di Riccardo Noury

Diritti - 16 gennaio 2017

Arabia Saudita, il buco nero dei diritti umani dimenticato dall’Occidente

abdulaziz-al-shubaily_675 Il 2017 è iniziato in Arabia Saudita con un nuovo giro di vite nei confronti della società civile, ormai ridotta al silenzio a colpi di arresti, processi e condanne. Il 5 gennaio Ahmed al-Mushaikass è stato convocato per interrogatori dall’Ufficio indagini della città di al-Qatif. Tre giorni dopo è stato trasferito in una stazione di […]
Mondo - 9 gennaio 2017

Iraq: dall’Isis alle milizie sciite, i crimini di guerra si commettono con le armi occidentali

Members of the Iraqi rapid response forces clash with Islamic State militants in the Mithaq district of eastern Mosul, Iraq, January 5, 2017. REUTERS/Khalid al Mousily Se veicoli blindati made in Usa destinati alle forze armate dell’Iraq finiscono in possesso delle Brigate Hizbullah, una milizia legata all’Iran che il dipartimento di Stato Usa da tempo considera una “organizzazione terrorista straniera”, c’è qualcosa che non va. Quello che non va è la politica seguita dalle grandi potenze, soprattutto gli Usa, in Iraq. Dopo […]
Diritti - 31 dicembre 2016

2016, un altro anno in salita per i diritti umani. La tortura? In Italia manca una legge

Foto Roberto Monaldo / LaPresse17-04-2015 Roma CronacaFlash Mob organizzato da Amnesty International per chiedere l'introduzione del reato di torturaNella foto Un momento del flash mob sulla sclinata dell'Ara CoeliPhoto Roberto Monaldo / LaPresse17-04-2015 Rome (Italy)Flash Mob organized by Amnesty International to request the introduction of the crime of tortureIn the photo A moment of the flash mob Il 7 giugno, dopo quasi quattro anni di prigionia, un tribunale dello stato di Sinaloa, in Messico, ha ordinato la scarcerazione di Yecenia Armento Graciano. Questa donna, madre di due figli, era stata arbitrariamente arrestata dalla polizia investigativa il 10 luglio 2012; picchiata, quasi asfissiata e violentata nel corso di 15 ore di torture, era stata […]
Mondo - 27 dicembre 2016

Israele, la condanna dell’Onu per gli insediamenti nei territori palestinesi. Dopo 37 anni

(160606) -- JERUSALEM, June 6, 2016 (Xinhua) -- Israelis attend a march to mark Israel's 1967 capture of East Jerusalem at the Damascus Gate in Jerusalem's Old City, on June 5, 2016. Tens of thousands of Israelis marched Sunday through Jerusalem's predominantly Palestinian Old City amid high tensions to mark Israel's 1967 capture of East Jerusalem. (Xinhua/Gil Cohen Magen) Qualcuno la ricorderà come la risoluzione dello sgambetto del presidente Usa uscente a quello entrante, insomma poco più che una questione di politica interna statunitense ridotta a dispetto. Altri la giudicheranno la conseguenza della forsennata politica di costruzione di nuovi insediamenti da parte del governo Netanyahu: in altre parole, ci sarebbe un “troppo” persino nella […]
Diritti - 19 dicembre 2016

Mondiali calcio 2022 in Qatar, ancora lavoro forzato. E l’Italia ci gioca la Supercoppa

stadio_qatar_675 Il 12 dicembre è entrata in vigore, trionfalmente annunciata dalle autorità del Qatar come il provvedimento che avrebbe posto fine allo sfruttamento dei lavoratori migranti, la Legge n. 21 sull’entrata, l’uscita e la residenza dei cittadini stranieri. Un provvedimento reso necessario dalla scadenza di marzo 2017, quando l’Organizzazione internazionale del lavoro deciderà se il Qatar […]
Diritti - 12 dicembre 2016

Egitto, l’appello dalla prigione: ‘Cara Irlanda, seppelliscimi nella tua terra’

Nosayba (left) and Somaia Halawa, sisters of Ibrahim Halawa, on Grafton Street in Dublin's city centre, where family members and supporters held an awareness day. PRESS ASSOCIATION Photo. Picture date: Friday May 13, 2016. Arrested in Cairo at the age of 17 in the midst of protests over the ousting of the Muslim Brotherhood, Ibrahim has been held without trial for almost three years and is due to face justice as part of a mass trial in late June.  See PA story POLITICS Halawa Ireland. Photo credit should read: Brian Lawless/PA Wire Ibrahim Halawa, cittadino irlandese di origine egiziana, è stato arrestato al Cairo nell’agosto 2013, quando aveva 17 anni. Accusato ingiustamente di aver preso parte a scontri con le forze di sicurezza, rischia la pena di morte. Il governo di Dublino non riesce a riportarlo a casa. Ora ha 21 anni. Il 29 novembre 2016 ha […]
Mondo - 5 dicembre 2016

L’Arabia Saudita ancora contro i diritti umani, e aumenta la pena per chi li difende

prigione-675 In un Paese dove la giustizia conti qualcosa ci si aspetterebbe che un difensore dei diritti umani condannato in primo grado a nove anni di carcere sia assolto, che il tribunale ammetta l’errore e stabilisca un risarcimento. Ma qui stiamo parlando dell’Arabia Saudita. Il 1° dicembre la corte d’appello antiterrorismo di Riad ha addirittura aumentato […]
Mondo - 28 novembre 2016

Iran, carcere e frustate per il regista Keywan Karimi

keywan-karimi-675 Alla fine il regista curdo iraniano Keywan Karimi è entrato nella prigione di Evin, nella capitale Teheran. Vi dovrà scontare la sentenza definitiva, emessa il 21 febbraio, a un anno di detenzione e a 223 frustate. La vicenda giudiziaria inizia nel dicembre del 2013, quando la polizia si presenta a casa di Karimi con un mandato […]
Mondo - 21 novembre 2016

Kuwait, cambia la legge: maggiorenni a 16 anni. E i rischi arrivano dal web

kuwait-675 Dal primo gennaio 2017 entrerà in vigore in Kuwait la legge sulla criminalità minorile, che abbassa l’inizio della maggiore età da 18 a 16 anni. La legge, approvata dal Parlamento con 37 voti a favore e sette contrari, significherà che dai 16 anni in poi si verrà processati come gli adulti e si riceveranno le medesime sanzioni […]
Diritti - 14 novembre 2016

Iran, due artisti in carcere per censura. Un appello per non dimenticare

233501_ai_freeartists_campaign_with_iranian_music_band_kiosk Si chiama #FreeArtists la campagna lanciata da Amnesty International e dalla famosa band iraniana Kiosk per chiedere la scarcerazione degli artisti in prigione in Iran. Il primo caso seguito dalla campagna riguarda i fratelli Rajabian, il musicista Mehdi e il regista Hossein, che stanno scontando tre anni di carcere per “offesa alle figure sacre islamiche” e “attività […]
C’era una svolta, le favole più belle raccontate con gli occhi dei ragazzi con disabilità: “La diversità è sempre un valore”
Modena, la denuncia: “In discoteca entrate diverse per i ragazzi di colore”. La replica: “Falso. Solo un’incomprensione”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×