Il porno, per caso. Così si potrebbe riassumere il rapporto di Eva Henger con il cinema hard, stando a quello che la 44enne racconta al settimanale Chi in edicola questa settimana: “Anche se non facevo quel lavoro – dice – i giornali vedendomi con Riccardo (Schicchi, ndr), scrivevano che ero la nuova scoperta. In realtà avevo un ruolo in tv, conducevo un programma di poesie su RaiDue che si chiamava TvZone e andava in onda di notte… Tutti pensavano lo stesso che fossi un’attrice porno, qualcuno mi diceva perfino di aver visto un mio film… E così alla fine ho firmato un contratto per quattro film hard”. Un inizio un po’ casuale e un po’ “scritto”, quindi, quello di Eva Henger nel porno: “Ho voluto provare per curiosità ma non ero a mio agio”. Una parentesi, che la showgirl racconta a Valerio Palmieri senza rinnegare niente, tra i ricordi del set, la nuova vita col marito Massimiliano Caroletti e un parere su Malena, nuova scoperta di Rocco Siffredi: “Paragonarla a Moana o a Cicciolina? Non vale la loro bellezza. Moana poteva essere imperfetta ma aveva un fascino incredibile. Cicciolina aveva un viso stupendo”.