di Gian Piero Robbi

C’era una volta la politica, quella di Alcide De Gasperi e Palmiro Togliatti: due personalità in contrapposizione, con idee diametralmente opposte, ma protagonisti veri della società pubblica che hanno lottato per perseguire il bene comune. Oggi (e da tempo), invece, assistiamo a vicende che hanno reso la politica solo un’opportunità di guadagno e successo personale e un posto fisso da tutelare gelosamente, costi quel che costi. Un insieme di misfatti che hanno causato nel cittadino una sfiducia che pare irreversibile nei confronti della politica in quanto concetto.

Ne è prova, ad esempio, quanto sta emergendo a Napoli, dove un tale del Pd, Michel Di Prisco avrebbe spinto molti cittadini a ottenere la tessera partito, pagando lui stesso la quota. Insomma, non un’iscrizione autonoma al partito ma un favore richiesto a chicchessia con il mero scopo di avere più iscritti possibili così da contare al momento dei voti interni al Pd.

Al netto delle indagini in corso, della comparsa di altri casi simili (come l’acquisto di 100 tessere pagate con la stessa carta Postepay, avvenuto a Castellammare di Stabia, sempre in Campania), queste notizie sconsolano, perché dimostrano quanto sia in crisi la politica come passione civile.

Come si può, infatti, pretendere che il cittadino comune possa avere fiducia nella politica se pensa – nella stragrande maggioranza dei casi giustamente – che il politico non fa gli interessi della società (quartiere, comune, regione, stato) ma i propri e di quelli della cerchia che fa capo a lui stesso?

Inutile, infatti, perdere tempo a interessarsi della politica, se una legge, ad esempio, viene votata o meno e se viene, poi, davvero attuata sprecando magari una domenica mattina ad andare alle urne per scegliere i ‘propri’ rappresentanti.

La reazione? Sì, ci vorrebbe e non dovrebbe risiedere ovviamente nell’inazione ma, paradossalmente, nell’andare a votare e scegliere personalità nuove, prive di interessi personali e, magari, non storicamente legate alle poltrone. Insomma, l’unica salvezza della politica sta nel rinnovamento della forza politica. Non c’è altra strada che questa.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.

Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.