“Siamo in un paese in cui le aziende se ne vanno all’estero e i terremotati vengono a manifestare a Roma perché non hanno le case. Nel frattempo membri del governo parlano degli appalti Consip. Per questo Lotti insieme agli altri del “giglio magico” devono stare lontano dalle istituzioni”. Lo ha detto Luigi Di Maio, tornando sul caso Consip, che vede coinvolti diverse persone vicine alll’ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Questa mattina l’esponente dell’M5S è andato a Roncello (MB) per portare solidarietà ai lavoratori della K-Flex, in presidio da oltre 40 giorni per la decisione della multinazionale di tagliare 187 posti di lavoro.”Ci sono possibilità che la mozione di sfiducia contro Lotti passi al Senato” ha continuato il vicepresidente della Camera”. Due pesi e due misure tra il caso Lotti e il caso Raggi? “I due casi non sono paragonabili – ha spiegato – non mi risulta che la Raggi abbia preso soldi da qualcuno, che adesso sta in galera. E in altri casi abbiamo chiesto l’allontanamento di nostri sindaci senza che neanche fossero indagati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consip, Emiliano: “Orlando rischia conflitto di interessi perché ha potere su magistrati che indagano e su di me”

prev
Articolo Successivo

C’era una volta la politica, e ora?

next