“Siamo in un paese in cui le aziende se ne vanno all’estero e i terremotati vengono a manifestare a Roma perché non hanno le case. Nel frattempo membri del governo parlano degli appalti Consip. Per questo Lotti insieme agli altri del “giglio magico” devono stare lontano dalle istituzioni”. Lo ha detto Luigi Di Maio, tornando sul caso Consip, che vede coinvolti diverse persone vicine alll’ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Questa mattina l’esponente dell’M5S è andato a Roncello (MB) per portare solidarietà ai lavoratori della K-Flex, in presidio da oltre 40 giorni per la decisione della multinazionale di tagliare 187 posti di lavoro.”Ci sono possibilità che la mozione di sfiducia contro Lotti passi al Senato” ha continuato il vicepresidente della Camera”. Due pesi e due misure tra il caso Lotti e il caso Raggi? “I due casi non sono paragonabili – ha spiegato – non mi risulta che la Raggi abbia preso soldi da qualcuno, che adesso sta in galera. E in altri casi abbiamo chiesto l’allontanamento di nostri sindaci senza che neanche fossero indagati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Consip, Emiliano: “Orlando rischia conflitto di interessi perché ha potere su magistrati che indagano e su di me”

next
Articolo Successivo

C’era una volta la politica, e ora?

next