La stampa italiana è drogata. Lo si dice da tempo ma il caso Muraro lo dimostra definitivamente; l’attenzione dei media è continua, martellante, eccessiva. E spudoratamente di parte. C’è un limite a tutto. Se i grandi giornali – da Repubblica al Corriere – dedicano per giorni le prime pagine alla bugia di Di Maio i conti non tornano. Non è più giornalismo è un’altra cosa, anche perché l’attacco avviene mentre si esalta il grande bugiardo – Matteo Renzi – per le magnifiche sorti e progressive dell’Italia sotto la sua guida.

Per restare a Repubblica, è duro Mario Calabresi: “Resta il fatto che da oggi nei 5 Stelle è lecito e tollerato mentire all’opinione pubblica e ai propri elettori”. Addirittura. Quanta sensibilità quando in gioco c’è la verità. Allora: perché il grande bugiardo ha la sua fiducia – direttore – visto l’inganno ai danni di Enrico Letta? Possiamo dire che da quel giorno è tollerato mentire nel Pd?

Ancora: visto che il suo giornale è filogovernativo – smentendo la natura dissacrante e corsara datagli da Scalfari per vent’anni – è possibile riconoscere (almeno) che Renzi, da leader della sinistra, realizza il programma di Confindustria? Sarebbe un’operazione verità. Ma di ciò non si può parlare. Né dei dati reali su disoccupazione, Pil, economia che non riparte. Urge un’altra narrazione: quanto sono cattivi i Cinquestelle. Un racconto falso, con in bocca – come trappola per gonzi – le parole “verità” e “valori”. Infatti. “Ai valori civici – scrive Calabresi – questo giornale e la sua comunità di lettori sono sempre stati attaccati e nessuno […] avrebbe mai immaginato che potessero essere messi da parte così in fretta da Grillo e da suo movimento.” Ecco, adesso lo sappiamo, i valori civici – giustizia e libertà e democrazia e pluralismo, etc. – non sono stati calpestati dal Pd renziano salvando i banchieri (e non i risparmiatori); deridendo la libertà sindacale; occupando la Rai; umiliando i Partigiani. No. Questi valori sono stati calpestati dai giovani e inesperti pentastellati con qualche imbarazzato silenzio sul caso Muraro. Quando si dice l’oggettività dell’informazione.

La verità è che in questa fase della lotta politica, e con l’approssimarsi del referendum d’autunno, la posta in gioco è alta. Bisogna difendere posizioni acquisite, carriere, interessi. I 5 Stelle sono troppo scomodi. Come fidarsi di un Movimento che restituisce gran parte del denaro pubblico che riceve? Di un Movimento che non favorisce le lobby delle Olimpiadi? Come fidarsi di chi pensa agli ultimi e al reddito di cittadinanza? Questi, se vanno al governo, cambiano davvero il Paese. Meglio fermarli subito montando oltre misura il caso Muraro e l’inesperienza e gli iniziali errori di valutazione. Questo hanno pensato i direttori dei “grandi” giornali. Un po’ meno grandi, in verità, da ormai molto tempo. Dove sono le denunce alla Pier Paolo Pasolini? Dove le grandi inchieste e le battaglie alla Giorgio Bocca? La stampa italiana è drogata. Malata di conformismo. Omologata al potere.

Proprio per questo i pentastellati devono stare attenti. Si è votato 5 Stelle “per avere una giunta libera da qualsiasi ‘inciucio’ con qualsiasi establishment” (Flores d’Arcais). Allora: perché scegliere tecnici di area notoriamente vicini alla destra? I problemi ci sono: “Faide interne, direttive dei vertici pentastellati disattese, la giunta che si sgretola”. Basta errori. Niente verrà perdonato dai media. Soprattutto l’inesperienza. Penne affilate sono pronte a colpire: alla “dissimulazione disonesta preferiamo la bugia che è, sino ad oggi, l’unico atto di sincerità del Movimento 5 Stelle”. La dialettica al servizio del potere. Francesco Merlo è sempre pronto a colpire. Ma non il governo. Mai. A Renzi, tappeti rossi e inchini. Credo abbia ragione Dario Fo (nel brano della motivazione del premio Nobel dato a Fo nel 1997 si leggeva: “Seguendo la tradizione dei giullari medievali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi”), che vede nei 5 Stelle una carica antisistema, rivoluzionaria. La stampa italiana è drogata. A Roma ci sono stati errori di metodo e una brutta partenza. Nulla di più. Principi, obiettivi e finalità – chiudere con Mafia Capitale – sono validi. Negarli è la vera fine. Se Virginia Raggi – conservando l’autonomia che la legge le impone – si atterrà ai principi del Movimento il tempo le darà ragione.