Dopo l’abbuffata di medaglie nella vigilia di Ferragosto, l’Italia tira il fiato. Con ancora negli occhi il trionfo di Niccolò Campriani, la splendida Tania Cagnotto e il secondo posto della squadra di spada maschile, molti azzurri gareggiano oggi ma le chance di medaglia appartengono solo a Rachele Bruni, impegnata nella 10 chilometri in acque libere in programma alle 14. Mentre la stragrande maggioranza dei suoi connazionali nuoterà in mare per puro divertimento, alla fiorentina toccherà cercare un assolo nella ‘maratona del mare’.

Bruni, classe ’90, è considerata tra le favorite per la vittoria finale e avrà in Aurelie Muller, francese, la prima e più ostica avversaria. Mentre il podio appare decisamente alla sua portata. L’unica altra speranza di arrivare tra le prime tre è quella di Libania Grenot, che nella notte tra il 14 e il 15 ha guadagnato l’accesso alla finale dei 400 metri con 50.60. Un ottimo tempo che le è valso il ripescaggio tra le prime 8 donne al mondo sul giro di pista. Ora però le possibilità di agguantare il podio appaiono prossime allo zero. Ma alle 3.45 del 16 agosto, l’italo-cubana ci proverà.

Rimanendo all’atletica, cercano la qualificazione Fabrizio Donato nel salto triplo e Gloria Hooper nei 200 metri. Il triplista, 40 anni compiuti domenica, proverà a conquistare la finale a partire dalle 14.30 per poi inseguire il bis del sorprendente bronzo di Londra 2012, unica medaglia azzurra nell’atletica. Nei 3000 siepi alle 15.25 toccherà invece a Yuri Floriani e Abdou Bamoussa cercare una prova sufficiente per poi giocarsi la finale.

Situazione interlocutoria nella vela con Giulia Conti, Francesca Clapchich, Elena Berta e Alice Sinno in gara nelle ultime regate (start alle 18.05 e poi a seguire) prima delle medal race. Alle 15.21 (e poi alle 21 e alle 22.23) torna in sella Elia Viviani, impegnato nelle prove dell’Omnium, dopo un primo, un terzo e un settimo posto nelle gare inaugurali della specialità del ciclismo su pista. In serata (ore 20.15) è da seguire il turno preliminare del trampolino da 3 metri maschile con Andrea Chiarabini e Michele Benedetti. Mentre in un’altra piscina – alle 00.40 del 16 – il Setterosa della pallanuoto cerca la qualificazione alla semifinale contro la temibile Cina: vincere vorrebbe dire entrare in zona medaglia.

Anche il volley può regalare soddisfazioni, non definitive però. La coppia Lupo-Nicolai sarà impegnata nei quarti di finale del torneo di beach volley alle 4 per provare a migliorare la buona performance a Londra (uscirono proprio ai quarti) e cercare poi il podio. Prima bisognerà battere la coppia russa Liamin-Barsouk. Mentre il volley maschile cerca nuove conferme allo splendido avvio di torneo affrontando il Canada. Appuntamento all’1.30.