È morta a 55 anni la giornalista del Tg2 Maria Grazia Capulli. Il noto volto del telegiornale diretto da Marcello Masi conduceva l’edizione delle 13 e in passato anche quella delle 20.30. Laureata in Storia della Lingua Italiana all’Università di Macerata, aveva cominciato la carriera giornalistica nelle Marche, collaborando con l’edizione locale del Messaggero. Il saluto si svolgerà domani alle 12 presso la parrocchia di Santa Chiara a Roma mentre i funerali si terranno a Camerino venerdì.

Dalla fine degli anni Ottanta lavorava in Rai, e nel 1996 Clemente Mimun l’aveva voluta al Tg2, affidandole la conduzione dell’edizione delle 13. Non è ancora nota la causa della morte, ma a quanto pare la giornalista aveva concluso da poco una lunga lotta contro una grave malattia. Su Twitter è arrivato il cordoglio del direttore del Tg2 Marcello Masi e quello di Clemente Mimun, oggi direttore del Tg5.

“Fino a 48 ore fa era a lavorare con noi – ha detto Masi – C’è un dolore palpabile in tutta la redazione. Era una grande professionista, scrupolosa, sensibile e attenta. Una penna di quelle che il servizio pubblico dovrà rimpiangere. Amava il suo lavoro e il Tg2 era la sua famiglia“.

“La sua profonda dedizione per il lavoro, con un occhio speciale e sensibile ai temi del disagio e degli ultimi, e l’attenzione al mondo della cultura – hanno scritto in una nota congiunta l’Usigrai e il Cdr del Tg2 – l’hanno sempre accompagnata anche nei momenti più difficili. Un impegno professionale portato avanti con scrupolo, discrezione e rigore. Negli ultimi mesi ha fortemente sostenuto nel Tg2 la realizzazione di una nuova rubrica ‘Tutto il bello che c’è’, progetto editoriale nel quale ha voluto mettere tutto il suo desiderio di futuro, di raccontare storie positive, e di speranza”.

Tantissimi i tweet di cordoglio da parte dei colleghi giornalisti e della Rai.