Ha abbattuto l’argine del canale De Ferrari in piena per salvare una cascina, allagandone però altre venti vicine alla proprietà. È successo in provincia di Alessandria, in zona Osterietta, un’area fortemente colpita dal maltempo degli ultimi giorni. Qui, le piogge intense hanno fatto gonfiare un rio, facendolo arrivare a rischio esondazione. Se le acque del rio fossero andate a gonfiare quelle di un torrente in cui sfociava, allora il campo di una cascina a valle del torrente sarebbero certamente stata allagata. Secondo le indagini, proprio per evitare questo scenario sembra che qualcuno abbia rotto gli argini del rio, provocando un’alluvione che ha allagato i terreni di una ventina di altre cascine, ma ha salvato l’area vicino al torrente.

Le autorità di Alessandria hanno aperto un’indagine mentre gli agricoltori danneggiati hanno presentato una denuncia contro ignoti. Si tratta “certamente di un atto criminoso” ha confermato il sindaco Rita Rossa. Rossa ha riferito che la polizia scientifica ha fatto rilevamenti all’altezza dell’argine dove sono state trovate tracce lasciate da una pala meccanica. Segno che la rottura dell’argine deve essere stata fatta con una ruspa o un mezzo cingolato. Gli investigatori sono al lavoro per identificare il colpevole. Ci sono sospetti su un agricoltore, ma al momento non è stato fatto alcun nome.