Un uomo bulgaro rimasto paralizzato fino alla cintola ha ripreso l’uso delle gambe grazie a un trapianto di cellule del naso. L’operazione è stata condotta da un’equipe di medici polacchi e inglese e il professor Geoffrey Raisman – direttore del reparto di Rigenerazione Neurale dell’University College London’s Institute che ha seguito lo studio – ha definito il traguardo: “Un passo ancor più importante di quello dell’uomo sulla luna”. Il paziente, Darek Fidyka è la prima persona al mondo a riacquistare l’uso delle gambe dopo la rottura totale dei nervi della colonna vertebrale. 

L’uomo, di 40 anni, era costretto sulla sedia a rotelle dopo essere stato accoltellato nel 2010, ed è stato sottoposto a una terapia che prevede il trapianto nel midollo spinale di cellule provenienti dalla cavità nasale. Le cellule olfattive, hanno spiegato gli esperti, agiscono nel naso attivando le fibre nervose del sistema olfattivo a rinnovarsi continuamente. Nel primo dei due interventi i chirurghi hanno rimosso uno dei bulbi olfattivi del paziente e hanno trattato le cellule in coltura. Due settimane più tardi hanno trapiantato queste cellule nel midollo spinale spezzato dalle coltellate. Circa cento micro-iniezioni sono state praticate sopra e sotto la lesione, in seguito, i medici hanno prelevato dalla caviglia quattro strisce sottili di tessuto nervoso e le hanno poste sulla lesione. Dopo il trapianto, il paziente ha intrapreso un percorso di potenziamento muscolare per cinque ore al giorno ogni giorno all’Akson Neuro-Rehabilitation Center di Wroclaw. Tre mesi dopo l’operazione, Fidyka ha iniziato a recuperare il muscolo della gamba sinistra e a percepire il caldo il freddo e le punture degli aghi nella parte inferiore del corpo. Sei mesi dopo l’intervento l’uomo ha mosso i primi passi con il supporto di un fisioterapista. Per Fidyka, camminare di nuovo è stata “una sensazione incredibile. Quando non riesci a sentire quasi metà del tuo corpo sei impotente”. Ha detto il paziente, che ha aggiunto: “Ma quando la sensazione ritorna è come se tu nascessi di nuovo”.

A due anni dal trapianto Pawel Tabakow, consulente neurochirurgo presso il Wroclaw University Hospital, che ha guidato il team di ricerca polacca, ha dichiarato: “È incredibile vedere come la rigenerazione del midollo spinale, qualcosa che si pensava impossibile per molti anni, sta diventando una realtà”. L’esito dell’importante traguardo è stato pubblicato nella rivista scientifica Cell Transplantation. Le cure tradizionali a base di fisioterapia intensiva a cui si è sottoposto Fidyka dopo l’incidente non hanno mai condotto ad alcun risultato. L’esito dell’intervento è stato seguito dall’emittente inglese Bbc che ha monitorato la riabilitazione del paziente a seguito del trapianto. L’uomo ora può camminare grazie a una sorta di imbracatura.