Consigli per il post-voto, dati in primo luogo a noi stessi.
Evitare di:

– pensare che il proprio voto sia stato utile e quello degli altri irresponsabile;
– imprecare contro il “Popolo Bue” che non capisce il suo bene;
– sventolare l’impennata dello spread per colpevolizzare gli elettori ribelli;
– continuare a ripetere che” Tanto la tv non sposta voti”;
– …e magari anche che “il conflitto di interessi non interessa a nessuno”;
– vagheggiare anche solo lontanamente un governissimo Bersani, Berlusconi, Monti;
– dimenticare che i socialisti greci, costretti al governissimo dall’Europa e dalla Merkel, sono passati, in meno di un anno, dal 40% al 5%; e la Grecia, per altro, non si é salvata;
– riproporre i nomi di sempre per la prossima presidenza della Repubblica;
– anche solo ipotizzare una legge elettorale per far fuori Grillo o chiunque altro;
– pensare che da soli si possa trascinare l’Italia fuori dalla palude etica e sociale, ancor prima che politica.

Ciascuno si faccia la sua lista delle cose da evitare, noi di Articolo21, invece, abbiamo deciso di avviare una raccolta di firme per dire: altro che governissimo! Si faccia subito la nuova legge elettorale e una legge sul conflitto di interessi (Bersani, Grillo, Vendola e persino Monti l’hanno inserita tra le priorità) e poi si vada di corsa al voto!
Tutto il resto, per parafrasare le Scritture Sacre, sarebbe davvero “farina del diavolo”.