Fermare il Declino è una novità: perciò merita attenzione, al di là degli infortuni… FiD non nasce da oscuri interessi, ma da nobili ideali. Molti dei suoi obiettivi ‘dichiarati’ sono condivisibili. Le sue proposte meritocratiche ricordano quelle che presentammo nel 2007 alle Primarie del Pd. Come M5S, Ingroia, e Monti, FiD vorrebbe moralizzare la politica e ridurre gli sprechi dello Stato. Ma la strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni…

Una mia tesi – ‘FiD vuole ridurre il welfare’ – ha suscitato le proteste – sincere – dei simpatizzanti: ‘il Programma non lo dice’. Vero. Ma i programmi elettorali, si sa, vengono edulcorati dai calcoli elettorali. Le vere intenzioni dei promotori emergono dai loro interventi precedenti. Partiamo dunque dal welfare, ultima delle mie preoccupazioni.

  • Il rapporto pensioni/pil deve convergere al 10%” in “10 anni” tramite “l’allungamento dell’età lavorativa a 70 anni” e la “restrizione dei criteri per le pensioni di invalidità”. (Boldrin, 6/8/11 e 11/11/11). Le pensioni sono il 16% del Pil; una tale riduzione (+ popolazione invecchia) non può non coinvolgere le pensioni medio-basse. Sull’invalidità non s’invocano maggiori controlli sull’esistenza dei requisiti, bensì la “restrizione delle invalidità”: un invalido al 50% avrà meno, al 20% non avrà più nulla, ecc.
  • ·Altre spese sociali: “Ridurre la spesa pubblica di almeno 6 punti percentuali del Pil nell’arco di 5 anni… Ripensare in modo organico le grandi voci di spesa, quali sanità e istruzione”.
  • Diritti dei lavoratori: p.es. il caso Fiat. “Il problema non è se a Melfi la Fiat abbia violato o meno… una legge: sì, l’ha violata!… Intenzionalmente” perché “il modello di relazioni industriali… che i tribunali del lavoro perpetuano è… incompatibile con lo sviluppo economico… Il discorso Fiat è oggi un discorso di progresso(Bo. 2010).

Le idee sul welfare assomigliano a quelle dei repubblicani USA più estremisti: “Per raggiungere il successo economico esistono due strade. La prima consiste nel creare valore. La seconda … consiste nell’appropriarsi del frutto di sforzi e sacrifici altrui … Basta legalizzare la sottrazione” tramite i “servizi sociali…” e il “welfare” (Scacciavillani, 6/1/13).

FiD dimostra di non capire la crisi. Partiamo dagli spread. “Una perniciosa fantasia (1, 2) diventa ogni giorno più popolare: la Banca centrale europea ha in mano … la soluzione della crisi del debito sovrano, ma si rifiuta di usarla. [Secondo tale fantasia] la Bce stabilizzerebbe i mercati e ridurrebbe i tassi d’interesse che i governi devono pagare… Questo permetterebbe alle banche…di ricapitalizzarsi grazie alla rivalutazione del portafoglio che tale variazione di prezzo indurrebbeLa riduzione delle tensioni sul proprio debito permetterebbe ai paesi in difficoltà…misure di stimolo alla crescita. [Queste tesi] sono destituite di ogni fondamento” (Bo. 2011). Il 26/7/12 Mario Draghi annunciò di voler mettere in pratica (a metà) la “perniciosa fantasia”. E FiD: “Spara solo coriandoli!” (Sc. 2012). “La Bce non può intervenire, per Statuto!”, è “roba neo-marxista”, “le banche centrali non lo possono fare… è una dura realtà che dobbiamo riconoscere…” (Bisin 10/8/12). Ma gli spread scesero (a metà), e la crisi rientrò. Tuttavia FiD non ne ha tratto alcuna lezione: ha una concezione ottocentesca della finanza, che predata la nascita delle banche centrali.

Sulla crisi dell’economia reale, cosa dicono a FiD?

  • La politica monetaria… può fare poco o niente” (Bo. 2010). Dubito.
  • La politica di bilancio… non può fare nulla’. Scrissero: “la grande ripresa americana, stimolata dagli… obamiani, sembra non essere tale; hanno generato una crescita… illusoria dell’occupazione. Tutti sanno com’è andata (+5 mil.). E l’austerità Europea? “Il famoso moltiplicatore keynesiano dicono sia stato intravisto da… padre Pio, che sghignazzava” (Bo. 2010). Il FMI ha poi spiegato che il moltiplicatore è tre volte più grande di quanto si credeva e l’austerità ha dissanguato l’Europa. Ma FiD vuole ancora salassi! Propone l’austerità di Monti con un’aggravante depressiva: meno spese e meno tasse, subito, ora.
  • Restano le Riforme Strutturali (dell’offerta). Niente in contrario, ma non servono contro una crisi della domanda. “Si ripristino gli incentivi agli investimenti”! (Sc. 2013): nessuno investe se non ci sono compratori.

FiD compete con Monti per il ruolo di ‘guardiano dell’Europa’, affinché dall’Italia non vengano stimoli all’evoluzione dell’Eurozona. “Basta criticare la Merkel! è un gravissimo errore attribuire la responsabilità della crisi… all’Euro” (Bo. 2012). Invitano la Germania a tradire gli impegni formali assunti al G20, e a scaricare l’onere del riequilibrio commerciale sugli altri. Richiesta poco patriottica, oltre che inefficiente.

Ma se davvero hanno sbagliato quasi tutto, perché insistono? “In chiunque alberghi la speranza che si adottino le riforme … deve anche sperare che la Bce… continui a tenere i governi sulla corda, torcendo loro il braccio perché almeno qualche cambiamento lo introducano”. W la crisi! “La soluzione ‘politica e mediata’ non è possibile… solo una soluzione ‘tecnocratica fortunata’ (Bo. 2011). Se la democrazia non può produrre le agognate (nobili) ‘riforme’, la crisi (v. 11° par.) può aiutare la tecnocrazia ad imporle a furor di popolo”. Qui c’è tutto il fallimento morale di FiD, che ignora la lezione di Re Salomone sul ‘bambino conteso’. Preferiscono affondare milioni di famiglie disoccupate, piuttosto che perdere l’occasione delle agognate riforme. Ma che l’elettorato non lo sappia. E neanche gli attivisti.

Cari amici, così non ne usciamo.